Paura dopo la nuova scossa: “La mappa di rischio sismico è aggiornata?”

martedì 10 aprile 15:52 - DI Redazione

«Il comitato Illica Vive è accanto al popolo marchigiano per la terribile scossa di questa mattina. È dalle 5.11 che cerchiamo di dare il nostro contributo attraverso la circuitazione delle informazioni e delle immagini per essere utili in un momento che ci ricorda l’inizio di questo sciame inarrestabile, il 24 agosto del 2016. Troppe domande però restano ancora inevase: l’Italia centrale è ormai sottoposta a scosse telluriche ininterrotte da quel maledetto 24 agosto. Alcuni movimenti tellurici della scorsa settimana che hanno superato i 3 gradi nell’area di Accumoli e Amatrice sono stati del tutto ignorati”. È quanto dichiarano Sabrina Fantauzzi, fondatrice del Comitato Illica Vive ed Elvira Mazzarella segretario generale.

mappa rischio sismico

mappa rischio sismico

La scossa ha distrutto alcune casette “anti-sismiche”

«Sempre la scorsa settimana – aggiungono – si è registrata nell’area marchigiana un cluster di scosse di notevole entità tanto da far sospettare che questo ciclo sia prodromico a una scossa più forte. Tutto questo ha un significato ben preciso. Allora, la carta del rischio sismico di quelle zone è stata aggiornata? Oppure tutto è rimasto fermo al 23 agosto 2016? È evidente infatti che le casette nelle quali sono ‘ospitati’ i terremotati non sono antisismiche, le foto dei pensili delle cucine collassati sui lavandini dimostrano che neppure gli allacci resistono alle scosse di 4.9″. “Muretti alti appena un metro e mezzo -proseguono- a Camerino sono crollati. Se qualcuno fosse stato in prossimità dell’angolo cottura o di quel muro in quel momento sarebbe morto o si sarebbe ferito. Queste Sae sono antisismiche? Abbiamo i nostri dubbi. Intanto il commissario De Micheli si trova già sui luoghi. Arriverà il momento in cui dovrà spiegare ai cittadini di che cosa siano fatte queste Sae: non reggono al freddo, e – incredibile- neppure al terremoto… Cittadini come topi in gabbia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • paolaiesus@tin.it 12 aprile 2018

    Che commenti possiamo fare?
    Ormai non ce ne sono più adeguati riguardo a tutto quanto sta accadendo in Italia..

  • giulioarditi@libero.it 11 aprile 2018

    La geologia non è una scienza esatta, molti geologi che da anni pontificano sugli eventi italiani o sono arroganti o in mala fede, in particolare quando blaterano di “mettere in sicurezza le case”. Non si possono mettere in sicurezza le case, siamo l’unico Paese al mondo ad avere questo pallino, questa bufala. Anzi, come mostrato nell’articolo, costruiamo sempre peggio, crollano persino casette appena edificate come “antisismiche”, mentre in tutto il mondo si costruiscono da decenni grattacieli nonché ponti che hanno già concretamente dimostrato di reggere benissimo a consistenti terremoti.

  • fdesalvo@aconet.it 11 aprile 2018

    Avevano detto: non faremo come Berlusconi all’Aquila. E hanno mantenuto la parola.
    E l’appalto per le casette è stato dato seguendo tutte le norme anticorruzione, ma non le regole di buona costruzione.

  • eleonora4198@virgilio.it 11 aprile 2018

    tanto per dire , non sono polemica . ma avete mai fatto caso che quando un pazzo fa scoppiare ordigni atomici sotto terra noi abbiamo terremoti che non avremmo mai dovuto avere ? impossibile che la montagna si sgretoli e subisca terremoti . e non diamo la colpa al grado in più della terra . sono tutte balle . scusate , saluti luciana periti