Palermo, clandestino chiede una sigaretta e al rifiuto si scaglia contro l’uomo

Ha chiesto una sigaretta a un connazionale e davanti al suo rifiuto lo ha aggredito, minacciandolo persino di morte. Un tunisino di 50 anni è stato arrestato a Palermo dalla Polizia di Stato con l’accusa di rapina aggravata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Gli agenti lo hanno notato nei pressi di Foro Umberto I mentre litigava con un altro uomo, che aveva afferrato per il collo. L’immediato intervento dei poliziotti ha scongiurato il peggio e riportato la calma.

Clandestino tunisino arrestato per rapina

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il cinquantenne, clandestino sul territorio italiano e volto noto alle forze dell’ordine per precedenti penali, avrebbe chiesto una sigaretta alla vittima. Al suo rifiuto si sarebbe scagliato contro la vittima, afferrandola per il collo e minacciandola di morte: gli avrebbe ordinato di consegnare le sigarette, il vino che teneva dentro un sacchetto per la spesa e tutti i soldi che aveva addosso. Una volta ristabilita la calma e allontanati i due, gli agenti hanno proceduto all’arresto del tunisino e al suo accompagnamento alla casa circondariale “Lorusso” di Pagliarelli.