Nigeriano appicca un rogo nel centro per profughi: era geloso della sua ex

sabato 7 aprile 15:19 - DI Redazione

Arrestato e condotto in carcere un giovane nigeriano che per gelosia ha appiccato un incendio nei pressi di un centro di d’accoglienza di profughi, costretti ad evacuare la struttura in tutta fretta. Non trovando la sua ex fidanzata (oggetto fino a pochi giorni fa di minacce e violenze) nell’immobile occupato dai connazionali, il nigeriano ha appiccato il fuoco ad un camper e le fiamme hanno poi minacciato la struttura. I carabinieri della stazione di Montelupo Fiorentino, nella serata di ieri, hanno eseguito un decreto di fermo, emesso dalla Procura della Repubblica di Firenze (titolare dell’inchiesta è il sostituto procuratore Antonino Nastasi), nei confronti di un 24enne nigeriano, richiedente asilo, attualmente senza fissa dimora, per i reati di incendio e furto in abitazione. Nel corso delle indagini avviate sull’incendio che aveva distrutto un camper, interessando anche il centro d’accoglienza di via Fratelli Cervi, con conseguente evacuazione degli occupanti, i carabinieri di Montelupo Fiorentino avevano appreso che, con tutta probabilità, il rogo era stato appiccato da un giovane per motivi di gelosia nei confronti dellaex fidanzata, una connazionale ospite della struttura.

Nella mattinata di ieri i militari hanno sentito alcuni testimoni e ricostruito interamente la vicenda: alla base una storia d’amore turbolenta, spesso violenta, finita, per fortuna, senza gravi conseguenze ma che ha messo a repentaglio l’incolumità di molte persone. La ragazza nigeriana, dopo due anni di fidanzamento, a gennaio scorso aveva deciso di interrompere la relazione perché il 24enne spesso diventava aggressivo dopo aver bevuto qualche bicchiere di troppo: proprio a causa dei suoi modi violenti, era già stato infatti allontanato da un centro profughi di Capraia e Limite (Firenze) e da allora era senza fissa dimora. I vari testimoni hanno confermato che il giovane non aveva mai accettato la fine del rapporto e molto spesso si recava al centro di accoglienza chiedendo di poter parlare con la ragazza: i colloqui, però, spesso terminavano con urla, aggressioni e minacce.

La mattina del 5 aprile scorso, dopo l’ennesima richiesta di incontro e le conseguenti minacce al telefono per il rifiuto della ragazza, quest’ultima per paura di incontrare il suo ex che, già in quella chiamata, aveva paventato l’ipotesi dell’incendio della struttura pur di portarla via con sé, si era rifugiata in preda al panico in una struttura del Mugello chiedendo alle sue amiche di non riferire a nessuno dove si trovasse e di chiudere bene le porte per evitare che il giovane potesse compiere qualche gesto insano.

Infatti, la stessa sera l’uomo si è effettivamente presentato al centro e, dopo aver appreso dell’assenza dell’ex fidanzata, ha dato in escandescenze, forzando la porta di ingresso e introducendosi nelle stanze per verificare di persona. Prima di uscire ha rubato una bicicletta con cui si è allontanato. Da una delle finestre una ragazza nigeriana ospite del centro, mentre le prime fiamme divampavano dal camper, ha visto il connazionale che si è allontanato in bicicletta. Poi i soccorsi, l’arrivo dei vigili del fuoco e l’evacuazione del centro d’accoglienza.

Una volta ricostruita compiutamente la vicenda i carabinieri hanno quindi informato la Procura della Repubblica di Firenze. La gravità del fatto, i gravi indizi di reato, la pericolosità sociale del soggetto e il fatto che lo stesso fosse senza fissa dimora, hanno fatto sì che nei confronti dell’autore del rogo venisse emesso un decreto di fermo per i reati di incendio e furto in abitazione. Ravvisandosi nelle condotte tenute dall’uomo l’ulteriore delitto di atti persecutori nei confronti dell’ex fidanzata, la Procura della Repubblica di Firenze ha elevato imputazione e procede anche per quest’ultimo reato.

Ieri sera intorno alle 20 il 24enne nigeriano è stato rintracciato dai carabinieri a Montelupo Fiorentino, nei pressi della stazione ferroviaria. Aveva già chiamato la ex ragazza richiedendo un altro incontro ma è stato immediatamente bloccato dai carabinieri che, a seguito di perquisizione, lo hanno trovato in possesso di un paio di forbici appuntite che sono state sequestrate. Il fermato è stato condotto nel carcere fiorentino di Sollicciano.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *