Morta di otite a 4 anni, indagati tutti i medici che hanno visitato la bimba

La Procura di Brescia ha iscritto nel registro degli indagati tutti i medici che hanno preso in cura, nell’ultimo mese e mezzo, la piccola Nicole, morta a quattro anni a causa di un’infezione che sarebbe partita da un’otite.  Nel suo lungo calvario che si è concluso in modo drammatico la bambina che era stata visitata dai medici dell’ospedale di Manerbio, da quelli della Clinica Poliambulanza e infine ricoverata agli Spedali Civili dove è morta. La Procura ha preso queste decisioni nel fissare per lunedì l’autopsia, che sarà eseguita all’ospedale di Brescia con consulenti non locali.  L’iscrizione nel registro degli indagati, hanno fatto sapere gli inquirenti, è un “atto dovuto” come garanzia nei confronti degli stessi medici, essendo l’autopsia un atto irripetibile. Solo quell’esame infatti permetterà di capire come sia stata possibile la morte di Nicole e se davvero si è trattato di un’otite mal curata e degenerata in un’infezione fatale che ha colpito i tessuti cerebrali.