Molestie da Nobel: gli scandali sessuali affossano l’Accademia Reale Svedese

Non solo autorità culturale. Nel sentire comune l’Accademia Reale Svedese, che ogni anno assegna il Premio Nobel per la Letteratura, è avvertita anche come una autorità morale. Uno scandalo sessuale, però, ora fa crollare questo mito, precipitando nella bufera gli accademici e l’intera istituzione. Tre di loro, infatti, li hanno accusati di «reticenza» e di essere venuti meno ai propri principi di «integrità morale» per coprire i guai di un altro membro. E per questo si sono tirati fuori.

Klas Ostergren, Kjell Espmark e Peter Englund, con lettere inviate ai giornali di Stoccolma, hanno dichiarato di non voler essere più accademici, intendendo così protestare contro le divisioni interne all’istituzione per lo scandalo per le molestie e le violenze sessuali che avrebbe coinvolto una personalità del mondo della cultura svedese sposata con un membro dell’Accademia, identificata dalla stampa nella poetessa Katarina Forstensson. I tre giurati non possono dimettersi perché la carica è a vita, ma hanno la possibilità di non partecipare ai lavori, ovvero alle selezioni dei candidati per il Nobel.

I membri dell’Accademia sono 18 e due di loro da tempo non sono più attivi. Con i tre nuovi dimissionari, salgono a cinque i giurati che intendono astenersi dall’attività accademica e il loro annuncio è arrivato proprio alla vigilia delle riunioni convocate per scegliere la rosa ristretta dei candidati al Nobel 2018, con il nome del vincitore che verrà annunciato nel prossimo mese di ottobre. Espmark ha scritto una lettera ai quotidiani Svenska Dagbladet e Dagens Nyheter affermando che «l’integrità è la linfa vitale dell’Accademia Svedese. Quando all’integrità dell’Accademia si preferiscono le amicizie e altre considerazioni irrilevanti, allora io non posso più partecipare al lavoro dell’istituzione». «Sono state prese decisioni che non posso né sostenere né difendere e ho quindi deciso di non partecipare più ai lavori dell’Accademia Svedese», ha scritto poi Englund in una lettera. Ostergren, in una dichiarazione inviata a Svenska Dagbladet, sostiene che l’Accademia Svedese ha avuto seri problemi da molto tempo «e ora ha cercato di risolverli facendo precedere oscure considerazioni ai suoi stessi statuti. Pertanto, ho deciso di non partecipare più alle sue attività e ora sono fuori dai giochi».