Marocchino espulso: nel suo telefono istruzioni per usare gli esplosivi

venerdì 13 aprile 18:37 - DI Redazione

I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Ancona stanno dando esecuzione ad un decreto di espulsione, emesso dal ministro dell’interno per motivi di sicurezza nazionale, nei confronti di un marocchino di 34 anni, Rabhi Soufiane, che verrà rimpatriato nel suo Paese, oggi, dall’aeroporto di Bologna. Il suo nome era emerso nel luglio del 2016 in seguito al sequestro di un cellulare, risultato rubato nella provincia di Macerata. All’interno del dispositivo c’era un video relativo alla decapitazione di un uomo in Siria, con le modalità tipiche dell’Isis. Nella memoria dell’apparecchio sono poi emersi altri due video, precedentemente cancellati: il primo contenente dettagliate indicazioni per la realizzazione di esplosivo a base di triperossido di triacetone, sostanza estremamente instabile e largamente impiegata dalle organizzazioni terroristiche; il secondo relativo ad un sermone di propaganda dello Stato islamico, contraddistinto dal logo del suo outlet mediatico Al-Furqan media. Rabhi Soufiane, fa sapere il Ros, “mostrava altresì orientamento ideologico antioccidentale e tendenza a delinquere, anche attraverso l’alterazione del proprio passaporto al fine di ottenere il permesso di soggiorno”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *