Maretta nel centrodestra, Meloni: «Berlusconi si rassegni, mai con il Pd»

venerdì 20 aprile 18:13 - DI Redazione

Dopo il fallimento delle consultazioni dell’esploratrice Casellati, nel centrodestra c’è un po’ di maretta. Silvio Berlusconi e Matteo Salvini battibeccano a distanza sui veti incrociati e anche Fratelli d’Italia replica picche al Cavaliere che ipotizzava un governo col sostegno del Pd. «Gente come i cinque stelle, voglio essere duro e volgare, li manderei a fare i fattorini e a pulire i cessi..», ha detto il Cav, oggi in Molise per le regionali, parlando per la prima volta in pubblico di un governo con il “soccorso Dem”: «Vanno cercati i voti in Parlamento, anche di esponenti del Pd, un partito che, per responsabilità e democrazia, è anni luce davanti a M5S». Parole che non piacciono al segretario della Lega, sempre più stretto nella morsa M5S-Fi, ma determinato ad andare avanti per la sua strada, Colle permettendo, senza fare ”inciuci con la sinistra”. «Il dramma è che –avverte Salvini a Milano per il Salone del Mobile- mentre io ho passato la mattinata a parlare di costruzione, leggo che gli altri, politicamente parlando, passano il tempo a insultarsi. Mi spiace se lo fanno i cinque stelle, con cui ostinatamente e testardamente proverò fino in fondo a fare un governo, ma mi dispiace ancor di più se lo fa un alleato, che fino ad ieri mi chiede compattezza, coerenza, lealtà, e che oggi passa la giornata a ipotizzare governi con il Pd. Qui Silvio sbaglia».

Da Udine (foto in alto) fa sentire la sua voce anche Giorgia Meloni, presidente di Fdi, che si schiera con Salvini nel respingere inciuci con i Dem: «Credo che Berlusconi debba mettersi l’anima in pace: non ci saranno mai i nostri voti per un accordo con il Pd. Non siamo d’accordo. E così come Fratelli d’Italia ha finora lavorato per la compattezza della coalizione, ci aspettiamo da Berlusconi la stessa cosa».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giacomosinagra@gmail.com 22 aprile 2018

    Non riesco assolutamente giustificare l’arroganza di Binaca (marca di un famoso dentifricio per un sorriso smagliante di anni passati) e, allora non dico di fare un passo indietro, ma di rivedere il suo recente passato. Non si faccia sfuggire l’occasione. Accetti Salvini premier si facciano poche leggi, la prima quella elettorale e, poi, nuove elezioni. Sono certò che non avrà più il suo sorriso da ebete.

  • edgardo.fratti@alice.it 21 aprile 2018

    Ciao Giorgia, mi sembra che nel periodo antecedente il 4 marzo, hai organizzato una manifestazione, invitando a partecipare anche LEGA e FI ma declinarono l’invito. Alla manifestazione parteciparono solo i Candidati di FdI con te a capo, nella quale avete fatto un giuramento che non avreste mai fatto un’alleanza con PD e M5S. Perciò io penso che la coalizione di CD che ha vinto, debba formare un Governo e andare in parlamento a chiedere la fiducia, se questa non dovesse esserci, si deve tornare dagli elettori e prima cercare di modificare la legge elettorale.

  • mautau@tiscali.it 21 aprile 2018

    Bene la Presidente Giorgia Meloni. Al limite, meglio la seconda forza politica che non ha mai governato a livello nazionale per un governo a tempo, max un anno, che il PD, responsabilie dello sfascio italiano.
    E poi dritti alle urne.

  • mariobozzi@libero.it 21 aprile 2018

    Rispetto per quanti fanno i fattorini e “puliscono i cessi”.

  • ANTONIO FARO 21 aprile 2018

    Mi sono perso qualcosa, non capisco, se le consultazioni con il PD lì fa Salvini lì chiama responsabilità e rispetto agli italiani, se Berlusconi dice che i voti bisogna trovarlo in parlamento anche coinvolgendo il PD sul programma della destra, e non di alleanza, Salvini lo chiama inciucio. Per me c’è qualcosa che in torna, e l’arroga sia di Salvini e Meloni sono fuori dalla scena di ogni pensiero. Mi ricordo che proprio la Meloni diceva mai con il M5S ora spinge Salvini ad andare avanti pur Di Maio aver detto no Meloni. Sono convinto he sia Meloni che Salvini vogliano cancellare FI e impossessarsi dei suoi elettori. Lo storia c’è lo dirà.

  • sandrocarapelli@alice.it 21 aprile 2018

    Con quante ne hanno dette e fatte nei confronti del Berlusca i compagni ds ora il vecio li vuole riportare al governo, mi pare che l’arteriosclerosi si sia impadronita di lui, farse sarebbe meglio che si ritirasse dalla scena politica.

  • papy_denis@libero.it 21 aprile 2018

    Il nano è rimasto fregato gia prima delle elezioni pensava di andare al governo col PD poi son rimasti fregati dal crollo dei loro voti di entrambi, il nano ha fatto inciuci con tutti gli ultimi governi specialmente renzi lui dperava di aver abbastanza voti da fare maggioranza col PD ed avrebbe mollato il centrodestra

  • gccotr@alice.it 21 aprile 2018

    Grazie alla Meloni , a Roma abbiamo la Raggi invece di Bertolaso e , sempre grazie alla Meloni , in Italia avremo Fico (o Di Maio) , col PD , invece di Salvini (con un appoggio esterno del PD e con Minniti agli Interni ) .

  • alberto.caioli@email.it 21 aprile 2018

    L’ex cavaliere serviva per prendere voti: adesso vuol fare ancora il “capetto”? Dovrebbe, come minimo, fare il “secondo”!

  • bruno1313@virgilio.it 21 aprile 2018

    Ciao Giorgia,
    mi permetto di darti del tu perchè oltre ad averti votato sei anche simpatica con quel dialetto romanesco che hai.Mandas in c…o il Berlusca e vai con Matteo ( no Renzi-battuta) e fate sto governo con Di Maio.
    Tirate fuori le p**** e fate vedere e sentire agli italiani che è cambiata l’aria e all’Europa di non rompere i c****** più del dovuto.Ogni giorno ci dicono che siamo i peggio….a me hanno rotto.

  • giulioarditi@libero.it 21 aprile 2018

    Meloni e Salvini, se erano disponibili ad un accordo con M5S, e non a PD, potevano anzi dovevano dirlo prima delle elezioni.

  • latino61@alice.it 21 aprile 2018

    Avete parlato di Mussolini come il “male assoluto” . Voi siete peggio della peste bubbonica.

  • Giuseppe Forconi 21 aprile 2018

    Cara Giorgia, gia’ nei mesi passati quando vi preparavate alle elezioni, io le scrissi che Lei e Salvini andavate a gonfie vele, ma che avreste dovuto sondare meglio le idee del cavaliere, scoprendo che percentuali c’erano pro o contro di lui. Ora ecco che siete in stallo per colpa di stupide ripicche.

  • 20 aprile 2018

    Il vecchio rimbambito plasticato sclera di brutto .una bella pillola di xanax e fuori dei c*****. Ha rotto abbastanza mai al governo con ladri e corrotti del pd