Londra, ancora una lama mortale, nella notte muore un 18enne: è il 40° del 2018

A Londra un coltello uccide ancora: è la 40ª vittima dall’inizio dell’anno, l’ultima a soccombere a un agguato mortale sferrato in una via della city da vigliacchi coperti dal buio e dal silenzio della notte.

Londra, ancora un giovane accoltellato nella notte

Una violenza senza tregua, quella che mina la sicurezza delle streets londinesi, che nella notte è tornata a colpire e a uccideere un giovanissimo: un 18enne, per l’esattezza, morto accoltellato a Chestnut Avenue, nella zona di Forest Gate, settore est della capitale britannica. La polizia è intervenuta anche tempestivamente per prestare soccorso, ma per il giovane, purtroppo, non c’è stato nulla da fare, e dopo appena un’ora e mezza di agonia, è deceduto. Un triste primato, quello che decreta Londra capitale degli accoltellamenti: un’indagine – puntualmente riportata dai media e ripresa in queste ore, in particolare, dal sito dell’Ansa – sancisce che «il numero delle vittime di accoltellamenti in città si avvicina ormai a quota 40 nel solo 2018, con una sessantina di omicidi totali».

Accoltellamenti mortali, un fenomeno in costante aumento

Non solo: sempre secondo il report e in base a quanto riferito dal sito dell’agenzia giornalistica, «in 11 occasioni, inoltre, a perdere la vita sono stati minorenni», incrementando così il drammatico fenomeno della baby gang in azione per strade e vicoli che rischia di incistare la piaga delle bande giovanili che a Londra ha già infettato in maniera virale soprattutto alcuni quartieri, puntando a colpire in particolar modo vittime di minoranze etniche. E allora, come già per altri casi precedenti, anche questa volta Scotland Yard ha lanciato a Forest Gate, teatro della brutale aggressione letale, un accorato appello a tutti i possibili testimoni di quanto accaduto: qualora ce ne fossero, proveranno a collaborare?