Intera famiglia terrorizzata e sotto scacco: stalking e minacce da 3 romeni

Quando si pensa allo stalking, alla persecuzione, alla minaccia reiterata e sistematica, in genere si pensa a una vittima e a un carnefice. Invece, in questo caso registrato dalla cronaca ad Acerenza, in provincia di Potenza, aguzzini e vittime – tutti romeni – sono diversi, sia da una parte, che dall’altra.

Stalking e minacce a una famiglia: denunciati 3 romeni

E allora, tre giovani rumeni (di età compresa tra i 29 ed i 19 anni) sono stati sottoposti a misura cautelare personale – ossia nel divieto di dimora e nel divieto di avvicinamento – per quanto inflitto ad una famiglia di connazionali che ha vissuto e vive in una condizione di paura per gli atti persecutori fin qui subiti e denunciati. Le indagini sono state coordinate dalla Procura e condotte dai Carabinieri del posto, ed hanno portato ai provvedimenti emessi dal Tribunale di Potenza. Indagini che hanno documentato i comportamenti dei tre giovani romeni, che dallo scorso ottobre, più volte, hanno minacciato i connazionali, a voce o per telefono, usando anche delle armi in presenza di minorenni.

Una condotta intimidatoria reiterata nel tempo

Una condotta intimidatoria reiterata che ha instillato una condizione di paura costante nelle vittime per la propria incolumità fisica e per quella dei rispettivi familiari. Per questa ragione, con l’ordinanza di applicazione dei divieti, i tre romeni non potranno avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle parti offese e non potranno dimorare ad Acerenza. Insomma, dovranno smettere di perseguitare le vittime terrorizzate finora. Terrore che ci vorrà un bel po’ perché venga smaltito e superato.