Governo, il centrodestra intravede uno spiraglio: «Speriamo sia la volta buona»

Dopo la situazione di stallo registrata ieri, è partito il nuovo giro di colloqui della presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati.  Il primo incontro è quello con la delegazione del centrodestra che si è presentato unito. A Palazzo Giustiniani si sono recati Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi. «Nutriamo la fondata speranza che si riesca finalmente a superare la politica del no che in molti hanno portato avanti fino a oggi», ha detto al termine delle consultazioni Salvini. Confidiamo che il secondo partito superi i veti e accetti finalmente di sedersi al tavolo parlando di programmi e non dai posti». «Per noi è improponibile un governo con chi ha perso», ha detto ancora il leader della Lega. « È l’ultimo appello alla responsabilità si parli di temi e non di posti e spero che questo venga consegnato alla presidente Casellati».

«Sì, ci sono dei segnali di novità dal M5S, confidiamo oggi in quel che dirà Di Maio», ha detto Salvini. «Ieri siamo usciti di qui con gli schiaffoni, se oggi usciamo con i sorrisi metà dell’opera è fatta, il resto lo facciamo la prossima settimana. Speriamo che oggi sia il giorno buono: confidiamo che si possa fare un governo di chi ha vinto le elezioni. Se cadono i veti, se cadono i “no”si può iniziare a lavorare».  Alle 17.30 sono convocati gli esponenti del M5S. Domani mattina la Casellati andrà a riferire al Quirinale quanto le è stato detto dai partiti.