Giallo sui Legionari di Cristo: trovato morto un seminarista a Roma

È giallo sul corpo di Joseph Anthony Freeman, seminarista americano di 29 anni, che è stato trovato il giorno di Pasquetta nella sua stanza nel collegio dei Legionari di Cristo in via Aldobrandeschi, all’Aurelio a Roma. La Procura ha aperto un’inchiesta, come riporta il Corriere della Sera. Tutte le ipotesi sono aperte al momento. Sul cadavere nessun segno di violenza ed in camera non sono trovati medicinali, o altri oggetti sospetti. La Procura di Roma, però, vuole vederci chiaro. Joseph Anthony Freeman era in perfetta salute, la sera di Pasqua aveva cenato assieme ad alcuni confratelli.

Con loro doveva andare a Napoli. Ma nessuno lo ha più visto. A bussare alla sua porta altri seminaristi, nel pomeriggio di lunedì. Secondo una prima ricostruzione Freeman dovrebbe essere deceduto domenica sera, quando è rientrato nel suo alloggio dopo aver cenato con gli amici. Il cadavere però in stato di decomposizione sarebbe incompatibile con questa ricostruzione. Gli investigatori sono al lavoro anche per ricostruire le ultime ore di vita del ragazzo. Freeman- leggiamo sul Corriere era “amante dello sport, in gran forma, tifoso della squadra di football americano di New Orleans, giramondo, una fede profonda. Un giovane pieno d’interessi, senza scheletri nell’armadio. Almeno in apparenza. E allora come si spiega la tragedia? È morto nel sonno e il caldo della stanza – è un’ipotesi – ha consumato la sua carne? Oppure è deceduto prima e qualcuno poi l’ha riposto nel suo letto? Interrogativi legittimi, privi per ora di riscontro”.