Ex concorrente del Grande fratello arrestato per stalking

Nell’edizione del Grande Fratello 12 (2011), Kiran Maccali era stato presentato come un principe indiano alla ricerca di una moglie italiana. Era stato smascherato poco dopo, svelandosi come un contadino residente nella provincia di Bergamo. La partecipazione al noto reality non lo ha nobilitato, anzi. È di queste ore la notizia dell’arresto dai carabinieri di Treviglio per aver importunato e minacciato l’ex fidanzata, presentandosi più volte davanti a casa di quest’ultima,  nonostante Maccali fosse sottoposto all’obbligo di dimora nella sua casa di Romano di Lombardia. Maccali è stato arrestatp per le continue molestie contro la sua ex fidanzata, oltre che per aver violato le misure cautelari a cui era sottoposto.

Dal Grande fratello al carcere

Nel luglio dell’anno scorso Miccali era infatti stato condannato a 8 mesi di reclusione per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. L’ex concorrente del Gf era stato arrestato per avere aggredito due carabinieri.  Nell’occasione era stato anche denunciato per maltrattamenti in famiglia nei confronti dei genitori. Era stata proprio la madre di Kiran, adottato in India quando aveva 4 mesi, stanca dopo l’ennesima aggressione, a chiedere l’intervento dei militari. All’arrivo dei carabinieri, però, Maccali era andato su tutte le furie, prima insultandoli e poi scagliandosi contro di loro, ferendone due.

Per l’ex concorrente del Grande fratello diversi precedenti

Arrestato dai carabinieri della Stazione di Romano di Lombardia (Bergamo), Kiran Maccali è stato portato alla Casa Circondariale di Bergamo. La stessa Corte d’Appello nel relativo provvedimento in cui giustifica l’applicazione del carcere argomenta la decisione con la mancanza di “capacità autocustodiale” da parte dell’imputato.