Esponente Pd svela l’accordo segreto con il M5S a “Piazza Pulita” (video)

venerdì 6 aprile 13:42 - DI Redazione

Scoop a “Piazza Pulita” di Corrado Formigli su La7. Di Maio e il Pd, in barba al volere di Renzi, stanno tessendo l’alleanza. La trama viene rivelata dalla viva voce di un parlamentare del Pd,rigorosamente anonimo, intervistato dall’inviata. Ne verrebbe  fuori un retroscena, anzi una sceneggiata, quella che starebbe recitando il leader del M5S Di Maio. L’ipotesi che il M5s cerchi un’intesa con il Pd non è nuova tanto che lo stesso numero uno del Movimento  lo ha confermato al termine del primo giro di consultazioni: «Governo con la Lega o col Pd». Ma sarebbe il Pd la prima scelta e non Salvini, come generalmente si crede.  (Per vedere il video con il dialogo si può cliccare  qui).

Il giudizio del parlamentare è brutale: «Queste consultazioni, sono una farsa, uno show». «Alcune posizioni si stanno già smussando». ma come si mettono con Renzi? «Questo non è il momento di smentire Renzi – riprende il piddino -, ma arriverà». Quel giorno – anticipa- potrebbe rivelarsi decisivo per la formazione del prossimo governo: quel giorno  potrebbe essere «martedì prossimo, quando si voterà la persona che dovrà scrivere il Def. Se il M5s voterà un candidato della Lega, significa che Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno già l’accordo in tasca e che Salvini sta solo cercando di capire come dare l’addio a Berlusconi. Se invece i 5 Stelle votassero il candidato proposto dal Pd significa che la partita è tutta da giocare». Le parole del parlamentare smaschererebbero la tattica del Pd, che , secondo quanto afferma il parlamentare in questione, sta per fare fuori Renzi e aprire all’accordo col M5s. Giudizio netto e feroce: «Il renzismo  è molto ridimensionato, alla Camera forse 15-20 deputati si butterebbero ancora nel fuoco con lui. Il 60% del partito si sta lentamente riposizionando, sono pronti a scaricarlo. Chi lo vuole far fuori – avverte – corre un solo rischio: se il M5s farà il governo con la Lega sarà un assist micidiale per lui. Renzi potrà dire al partiti: visto, ve lo avevo detto? Se da parte di Di Maio ci sarà un’apertura netta al Pd, però, Renzi sarà definitivamente all’angolo». In conclusione, il piddino anonimo rivela quelle che al momento sarebbero le posizioni all’interno del Movimento 5 Stelle: «Di Maio e Roberto Fico, il presidente della Camera, preferirebbero nettamente un accordo con noi. Al Senato, però, Danilo Toninelli spinge di più per la Lega».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • paologiammancheri@gmail.com 7 aprile 2018

    Se si dovesse verificare la realizzazione di un governo m5s – pd , sarà necessario ricorrere alla adozione di rimedi drastici , radicali e definitivi : a buon intenditor poche parole !!!!

  • adriano.agostini@fastwebnet.it 7 aprile 2018

    Per non far rinascere il PD Berlusconi dovrebbe fare un passo indietro e facilitare l’accordo Di Maio-Salvini-FdI. Deve capire Berlusconi che ormai il suo tempo è finito e che se avverrà un accordo di governo M5S-PD Fi scomparirà.

  • maurizio_turoli@yahoo.it 7 aprile 2018

    Finalmente la Trilaterale esce allo scperto.
    Cairo, De Benedetti, Famiglia Agnelli e Soros hanno troppi interessi da difrndere.
    Era da prima delle lelezioni che lo stavo ipotizzando.
    Mattarella ci dica come iterpreta il secondo comma dell’articolo 1 ella Costituzione.

  • dockingstartion@libero.it 6 aprile 2018

    Io sono per la soluzione lanciata da Berlusconi: un soggetto diverso da Salvini e Di Maio(che vedo piu’ come bibitaro allo stadio che a” infangare” nomi di Illustri Italiani del Nostro Parlamento). Taile soggetto sceglerà i suoi ministri tra i vari deputati e senatori che lo sosterranno (é auspicabile una scelta anche tra varie personalità esterne).
    L’europa si aspetta molto dall’Italia, non possiamo permetterci un governo guidato da uno scugnizzo
    senza arte e nè parte e che si permette di offendere i parlamentari del centrodestra.