EasyJet rilancia: “Siamo interessati ad Alitalia, ma alle nostre condizioni”

martedì 10 aprile 18:40 - DI Redazione

«EasyJet, come parte di un consorzio, ha presentato oggi una nuova manifestazione di interesse nell’ambito della procedura di amministrazione di Alitalia, in linea con la strategia di EasyJet per l’Italia». A comunicarlo è la compagnia low cost in una nota. «Data la natura del processo, il contenuto dell’offerta rimane confidenziale. Non vi è certezza ad oggi – sottolinea – che verrà raggiunto alcun accordo. EasyJet intende fornire un ulteriore aggiornamento sul processo se e quando appropriato».

Su Alitalia resta l’interesse di Air France

Bocche cucite a Parigi su un’eventuale manifestazione di interesse di Air France – Klm per Alitalia. «Non facciamo commenti», dichiara un portavoce del gruppo franco – olandese. Lo scorso 27 marzo Jérome Salemi, direttore di Air France – Klm per l’East Mediterranean, aveva spiegato che il gruppo franco-olandese non ha presentato un’offerta per l’acquizione di Alitalia, vista anche l’incertezza della situazione politica in Italia. Al momento, aveva sottolineato, Air France – Klm è impegnata per rivedere la governance della joint venture transatlantica perché la compagnia italiana rivesta un ruolo di socio forte e importante. «Non abbiamo fatto un’offerta su Alitalia. Stiamo seguendo la situazione ma – ha ammesso – con il quadro politico dobbiamo probabilmente aspettare gli sviluppi nei prossimi mesi». Air France- Klm è impegnata invece, ha spiegato il manager, nella partita sul versante della join venture transatlantica, che oltre al gruppo franco olandese vede schierati Delta e Alitalia. Una “partita diversa da quella del futuro di Alitalia», ha tenuto a precisare Salemi. «Alitalia è in Skyteam e abbiamo un accordo con Alitalia e Delta nella joint venture transatlantica molto importante e strategico che noi vorremo mantenere», ha evidenziato il manager. Alitalia, ha sottolineato Salemi, «è un partner importante e stiamo lavorando per una nuova governance che include Alitalia come socio importante nella jv. Se Alitalia non dovesse essere più in Sky team, questo potrebbe avere un impatto. Noi vogliamo che rimanga perché vogliamo crescere con Alitalia ed avere un’offerta forte sul nord America, in Usa, Canada e Messico».

Alitalia è strategica per i voli continentali

A febbraio, in occasione della presentazione dei risultati del 2017 di Air France – Klm, il Ceo Jean-Marc Janaillac aveva spiegato che il gruppo stava studiando «diverse possibilità affinché Alitalia resti nella famiglia SkyTeam senza che Air France – Klm diventi l’acquirente di Alitalia. Stiamo valutando attualmente tutte le soluzioni». Janaillac aveva aggiunto che «sarebbe piuttosto negativo vedere Alitalia raggiungere un’altra importante alleanza e di non averla più come partner ma come concorrente».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • max.bialystock@libero.it 11 aprile 2018

    On.le Meloni,
    Alitalia rappresenta lo snodo politi di Ftatelli d’Italia, secondo me.
    Si spertichi anche attraverso interrogazioni Parlamentari, attraverso i media e quant’altro, ci metta la faccia.
    Solo noi possediamo la credibilità e la coerenza di poterlo fare.
    Niente privatizzazioni (chissenefrega del deficit, anzi…) gridiamo che vogliamo Alitalia (nomen omen) Italiana, pubblica e di Bandiere anche per motivi strategici anche per far capire a tutti che i tempi sono cambiati, che non accettiamo la barbarie dello sfacelo sociale a favore di banche neanche italiane.
    Spendiamoci a livello Nazionale (con un occhio al Sud Italia) traendone credibilità ulteriore e distinguendoci, nella visione di destra (euroscettica e Sovranista), da altri partiti troppo “spiccioli” e poco lungimiranti, ne abbiamo le possibilità e le capacità