Dario Argento horror: «Salvini stritola Di Maio e gli fa schizzare gli occhi di fuori»

martedì 3 aprile 10:52 - DI Giorgia Castelli

«Un governo dell’orrore? Quello tra M5S-Lega, sarebbe davvero impressionante…». A parlare, accostando cinema e politica, è Dario Argento, ospite del programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. Restando sulle metafore cinematografiche, chi potrebbe “uccidere” l’altro tra Salvini e Di Maio? «Salvini, che è così robusto. Potrebbe stritolarlo, spezzarlo, lo strizzerebbe talmente tanto al collo che a Di Maio schizzerebbero gli occhi di fuori».

Dario Argento: «Il Pd deve ritirarsi per un po’ e meditare»

E invece un governo Cinquestelle-Partito Democratico, come lo vedrebbe? «Non credo vada fatto. Penso che il Pd debba ritirarsi per un po’, meditare, dovrebbe riflettere, tipo mantra, tra buddismo e yoga». E quale potrebbe essere il mantra? «Abbiamo sbagliato tutto». Lei vota per il Pd? «Sì, ho votato Pd, sono state delle elezioni “horror”, terrificanti», ha risposto Dario Argento. Il maestro del brivido, a Rai Radio1, ha poi aggiunto: «Il premio Oscar Guillermo Del Toro mi ha mandato un messaggio WhatsApp, in cui, tra l’altro, mi ha scritto: “Dario, mi dispiace tanto per come sono andate le elezioni in Italia, so che tu sarai triste”». E hoi ha concluso: «Guillermo è di sinistra».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Luisa Chiodini 3 aprile 2018

    Forse anche Dario Argento farebbe bene a ritirarsi a meditare ed a riflettere insieme al PD.
    Potrebbe poi estendere lo stesso consiglio alla sua gentile figliola.

  • max.bialystock@libero.it 3 aprile 2018

    beh questa volta il c.d. “maestro” (come direbbe qualcuno “maestro de chè?”) ci fa sorridere per la sua paura fantasiosa su Salvini stritolatore… più che farci inorridire (a quello è più vicina la figliola)