Berlusconi furibondo contro il M5S: “A Mediaset li prenderei per pulire i cessi”

I veti del M5S hanno fatto saltare i nervi a Silvio Berlusconi che dal Molise, dai microfoni de L’aria che tira,  lancia giudizi pesantissimi sul movimento guidato da Luigi Di Maio: “Ma che stanno a fare questi qui che non hanno mai fatto niente nella vita… Ma dai… Prendiamo consapevolezza di chi sono e con chi abbiamo a che fare. Nella mia azienda li prenderei per pulire i cessi”. E ancora: “Uno: Cinquestelle è il partito dei disoccupati. Due: è il partito di chi vuole raggiungere il potere per togliere a chi ha e prendere per sè. Io davvero mi trovo di fronte a questo destino: a 12 anni sono dovuto scendere in piazza ad attaccare i manifesti perché ero contro i comunisti, nel ’94 scesi in campo per tutelare l’Italia dagli ex comunisti e oggi, alla mia età, devo tornare in campo per difendere il mio paese dal M5S. Mi sono abbastanza rotto!”. Parole che hanno irritato Matteo Salvini, il quale in una telefonata alla presidente del Senato Elisabetta Casellati ha detto: “Ho sondato Di Maio, mi ha detto che sta ragionando. Per la Ronzulli (senatrice di Forza Italia) è tutto chiuso, ma io continuo ingenuamente e testardamente”. E su Berlusconi ha aggiunto: “Non ho sentito Berlusconi e non credo di sentirlo. L’insulto non serve a nulla e non costruisce nulla”. La prima replica del M5S a Berlusconi è arrivata tramite il senatore M5S Nicola Morra: “Meglio vivere onestamente, magari grazie al ‘pulire i cessi’, piuttosto che accordarsi con la #Mafia. Capito, Silvio?”, ha scritto infatti su Twitter l’esponente pentastellato.