Berlusconi: «Non spetta al signor Di Maio dirmi quello che devo fare» (video)

«Non sta certo al signor Di Maio dire a Berlusconi quel che deve fare: è un compito che spetta agli elettori. Io ho il dovere di rappresentare 5 milioni di cittadini che mi hanno confermato la loro fiducia, che credono nella nostra esperienza nei nostri valori e nei nostri programmi». Così il Cavaliere nel secondo e ultino giorno di consultazioni al Colle (Mattarella ha incontrato in mattinata l’ex capo dello Stato Napolitano e i presidenti di Camera e Senato) torna a ribadire la linea di fronte ai veti dei Cinquestelle.

Berlusconi: non spetta a Di Maio dirmi ciò che devo fare

«Forza Italia va avanti unita e compatta intorno al suo leader, come è unito il centrodestra su un progetto politico e un programma con il quale ci siamo impegnati davanti agli elettori», aggiunge il Cavaliere in un’intervista al quotidiano molisano Primo piano che anticipa la visita di due giorni dell’ex premier in Molise. «Se Di Maio – avverte Berlusconi –  si illude di rompere un rapporto di lealtà reciproca e di condivisione di valori che va avanti da 20 anni, nel centrodestra, non solo si fa delle illusioni, ma pecca di arroganza e di inesperienza. E dimostra di non conoscere nemmeno l’Abc della democrazia». Dal suo conto Matteo Salvini minizza lo show del Cavaliere davanti alle telecamere all’uscita dal colloquio con Mattarella: «I rapporti sono buoni. Non bado alla forma, bado alla sostanza che consente di mantenere gli impegni con milioni di italiani che ci hanno votato: meno tasse, meno clandestini, Italia protagonista in Europa», ha detto il leader leghista al Tg3. Anche Mariastella Gelmini non rinuncia a incalzare i grillini. «Ricordiamo a @luigidimaio – scrive su Twitter il capogruppo azzurro alla Camera – che ha incaricato il professore Della Cananea di verificare le convergenze tra i programmi della Lega e del M5S, che il programma della Lega è lo stesso di Forza Italia e Fratelli d’Italia. Quindi, se le convergenze si trovano, sono con tutta la coalizione di centrodestra #coerenza».