Bardonecchia, la Procura di Torino ricorre all’ordine di investigazione europeo

venerdì 13 aprile 14:45 - DI Redazione

“I doganieri francesi non avevano il diritto di eseguire quel tipo di attività in territorio italiano”. Così si è espresso il procuratore capo di Torino, Armando Spataro, sull’incidente diplomatico avvenuto a Bardonecchia il 30 marzo, quando un migrante nigeriano fu sottoposto a un prelievo delle urine nei locali in uso a una ong che assiste i migranti. Il magistrato è intervenuto in una conferenza stampa annunciando di avere emesso un “ordine di investigazione europeo”. Spataro ha spiegato che a questa conclusione la procura è giunta al termine dei primi accertamenti, che hanno compreso la raccolta e l’esame degli accordi in materia fra i due Paesi. “Quei locali – ha precisato – non potevano essere utilizzati dai doganieri”. La procura di Torino intende procedere contro i cinque doganieri francesi. Con l’ordine di investigazione europeo, i magistrati hanno chiesto alle autorità transalpine di identificare gli agenti e di interrogarli, alla loro presenza e con un avvocato difensore, per concorso in violazione di domicilio e perquisizione illegale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • c.arcabasso1206@liber.it 13 aprile 2018

    dI FRONTE AD UN TRATTATO BILATERALE CHE ACCORDAVA QUEI LOCALI ALLA DOGANA FRANCESE, SI INDAGHI E PUNISCA CHI HA DATO IN CONCESSIONE QUEI LOCALI A QUESTA SEDICENTE ASSOCIAZIONE CHE INCORAGGIA IL REATO DI INVASIONE CLANDESTINA IN fRANCIA E LO STESSO FACCIA IL dR CANTONE DELL’AGENZIA NAZ.LE ANTICORRUZIONE!