Aborto, blitz di Forza Nuova contro la Casa delle donne: “194, strage di Stato”

sabato 7 aprile 15:42 - di Redazione

Uno striscione di Forza Nuova affisso davanti alla Casa internazionale delle donne a Roma con la scritta “194, strage di Stato”. Il tema dell’aborto continua così a creare polemiche roventi nella Capitale. La foto dello striscione è stata postata sulla pagina Fb della Casa delle donne che haprovveduto alla rimozione dello striscione e che definisce l’iniziativa di Forza Nuova “un grave attacco alla libertà e all’autodeterminazione delle donne”. Sull’episodio è intervenuto anche il Governatore del Lazio Nicola Zingaretti: “Il blitz di Forza Nuova contro la Casa Internazionale delle donne  è un attacco vigliacco e squadrista in primo luogo contro le donne e contro tutti. Giù le mani dalle conquiste che hanno reso l’Italia migliore e più civile. Siamo e saremo in prima linea contro chi vuole farci tornare indietro”, scrive il presidente della Regione Lazio su Twitter. Sulla pagina di Forza Nuova il blitz viene rivendicato e collegato alla rimozione del maxi cartellone Pro Vita in via Gregorio VII: “Questa mattina abbiamo attaccato la sede dell’associazione “Vita di Donna” (strano nome per delle donne che sono tutto tranne che tali e che inneggiano all’omicidio di creature innocenti), la prima a mobilitarsi contro il cartellone pro vita. E il blitz di questa mattina in via della Lungara 19 è solo il primo. Non permetteremo più che il grido di lotta del movimento antiabortista venga soffocato da una minoranza antinazionale ed antipopolare, delegittimata dalla storia”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Massimiliano di Saint Just 7 aprile 2018

    Se l’Italia è in decadenza è colpa di queste abortiste! Mancano 5 milioni di italiani che ora vogliono rimpiazzare con gli africani, snaturando l’essenza nostra. Una chiesa colpevole e connivente che avrebbe dovuto mandarle al rogo.

  • Francesco Ciccarelli 7 aprile 2018

    Non mi sembra che Zingaretti abbia detto altrettanto per gli uxoricidi, le aggressioni alle donne e gli stupri commessi da chiunque! Non discuto la Legge 194, ma è innegabile che spesso si ricorre all’aborto come a un contraccettivo!