A 12 anni violentata dal compagno della madre. La sentenza: 8 anni di galera

mercoledì 11 aprile 16:06 - DI Redazione

Un agente di polizia penitenziaria ha abusato per anni della figlia minorenne della convivente, una bimba di dodici anni, ora è stato condannato dal tribunale di Palermo a otto anni di carcere. Per l’imputato, accusato di atti sessuali aggravati, la pm Alessia Sinatra aveva chiesto alla fine della requisitoria, la pena a dieci anni di carcere. Il processo si è celebrato davanti alla Seconda sezione del tribunale di Palermo.

Abusa della figlia minorenne della compagna, condannato

La vicenda era iniziata nel 2007 e sarebbe durata fino a quando la ragazzina ha compiuto 15 anni. A fare emergere gli abusi e le violenze sessuali sulla bambina era stata una violenta lite scoppiata tra l’uomo e la vittima. Arrivata al pronto soccorso con il naso rotto dall’uomo, la ragazzina aveva raccontato ai sanitari e agli investigatori gli abusi subiti per anni. La piccola vittima aveva raccontato tutto anche alla madre ma la donna non aveva creduto alla figlia, restando accanto al compagno. Nella richiesta della condanna a dieci anni la pm Alessia Sinatra aveva anche voluto ricordare l’impegno di Angela Ruvolo, storica consulente psicologica della Procura di Palermo morta un anno fa, che negli ultimi venti anni aveva seguito decine di casi di violenze sessuali su minori.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *