16enne morto in ospedale a Napoli, la sorella ricoverata: sospetta meningite

Un ragazzo di 16 anni è morto all’alba all’ospedale Cardarelli di Napoli dove era stato trasportato poco prima. Il 16enne sarebbe morto per una sospetta sepsi meningococcica. Poco più tardi la sorella del ragazzo, che ha 20 anni, è stata portata all’ospedale Cotugno dove è giunta con alcuni decimi di febbre ed è attualmente sottoposta ad accertamenti per la valutazione di eventuali contagi. La salma del sedicenne è stata sequestrata dall’autorità giudiziaria che ha anche disposto l’esame autoptico. La famiglia dei due giovani è originaria di Marano, in provincia di Napoli. Sono attualmente in corso esami microbiologici sul corpo del 16enne e sulla 20enne.

Meningite, un caso a Chiari

Quello dei due fratelli non è l’unico caso. A Chiari, in provincia di Brescia,  un ragazzino di 13 anni è stato colpito da una sepsi meningococcica. L’adolescente, che frequenta la seconda media, è ricoverato in rianimazione pediatrica all’ospedale Civile. La fase acuta dell’infezione è ancora in corso e il paziente appare dunque ancora debole e provato, ma con il passare delle ore sta migliorando. Ha risposto alle terapie e, secondo i medici, non è in pericolo di vita. A Chiari è stato disposto lo stato di allerta sanitaria per scongiurare ogni più remoto rischio di diffusione del batterio.