Ufficio di presidenza del Senato, tra M5S e Pd è scontro sulle poltrone

mercoledì 28 marzo 17:51 - DI Redazione

L’elezione dell’ufficio di presidenza del Senato privo di plenum (il M5S in Sicilia ha ottenuto un seggio in più rispetto ai candidati presentati e quindi non è stato assegnato) rappresenta il primo stress-test per la possibile intesa di governo tra Cinquestelle e Pd. Un’eventualità – va detto – molto remota, ma la cui evocazione è utile a Di Maio a ricondurre a più miti consigli il titolare dell’altro “forno”, Matteo Salvini.

In ballo la vicepresidenza di Palazzo Madama

I senatori dovranno eleggere due quattro vicepresidenti, otto segretario e tre questori. Sulla carta il M5S (109 eletti) può far da solo ed eleggere entrambi i vice che non andranno al centrodestra, i cui nomi sono quelli del leghista Roberto Calderoli e del FdI Ignazio La Russa. Ma così resterebbe fuori il partito di Renzi. Ipotesi, questa, che non piace a  Salvini («spero che il Pd non resti fuori», ha detto a margine di incontro con i suoi). Ma non dipende da lui, bensì dei 5stelle. I quali – almeno a parole – sarebbero pure disposti a cedere, «come da patti», e ad eleggere la sola Paola Taverna, ma hanno tenuto a far sapere che la richiesta dei renziani sarebbe stata esosissima: oltre alle vicepresidenze (anche quella di Montecitorio), anche due questori, uno al Senato e l’altro alla Camera.

Alla Camera il M5S vuole fare “cappotto”

Ricostruzione radicalmente contestata dal gruppo del Pd al Senato. «Non accettiamo ricatti – si legge infatti in una nota -: se non vogliono, non votino il nostro candidato, si renderebbero responsabili di uno strappo mai visto, con il terzo gruppo parlamentare fuori dall’ufficio di presidenza». In realtà, la sensazione che si ricava dal botta e risposta è che i grillini stiano cercando l’intoppo per mandare tutto all’aria e poi chiamare banco alla Camera, dove la loro superiorità numerica è schiacciante, in modo da procacciarsi la maggioranza in seno all’ufficio di presidenza e da lì procedere al taglio dei vitalizi. In tal senso, la minaccia del Pd («dopo l’assemblea del gruppo di domani presenteremo tre nomi e li voteremo») rischia di rivelarsi una pistola scarica.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • l.mazza43@gmail.com 29 marzo 2018

    Cosa vuole il PD? dimentica nella scorsa legislatura – in maggioranza dopo scauting verso i TRADITORI del centro detsra – si sonoeletti il presidente della repubblica Mattarella e i loro presidenti della camera e del senato? C’è un detto che dice: “il troppo ingordo rimane digiuno” Mi auguro che gli altri NON cedano

  • torcarlo@hotmail.it 29 marzo 2018

    Io dico ….che si facessero da parte ….il PD resta un brutto ricordo …E non aggiungo commento…..

  • segreteria@associazionedecimaflottigliamas.it 29 marzo 2018

    Fanno bene. Gli eredi della GRANDE BUGIA non meritano niente. Hanno distrutto la Patria Italia !

  • an_ponte@tiscali.it 29 marzo 2018

    IL DIBATTITO,NOTO CON RAMMARICO,È SOLO SULLE POLTRONE DA PARTE DI TUTTI SPEE MOVIMENTO5STELLE CHE CENTRO DESTRA,È UNO SCHIFO,CITTADINI SI RIFLETTA E SI AGISCA DI CONSEGUENZA

    • roccoangela60@yahoo.it 29 marzo 2018

      Questa è una prassi che tutti i governi devono effettuare all’inizio di un nuova (si spera )legislatura,importante che si sbrigativo a formare un nuovo governo lasciando da parte il PD…che troppi danni ha causato in questi anni.

  • paologiammancheri@gmail.com 29 marzo 2018

    Contrariamente a quanto sostenuto da qualcuno, siamo in piena lotta per le poltrone……!!!
    Buonanotte ai suonatori…..!!!!