A uccidere Pamela solo il nigeriano Oseghale. Lo rivela la perizia del Ris

sabato 31 marzo 13:55 - DI Redazione

A uccidere Pamela Mastropietro sarebbe stato solo il nigeriano Innocent Oseghale, degli altri due arrestati non c’è traccia sul corpo della diciottenne romana ammazzata e fatta a pezzi nell’attico dell’orrore a Macerata. Solo di  Oseghale, infatti, sarebbero state trovate le impronte all’interno dell’appartamento mansardato di via Spalato. A rivelarlo è la perizia del Ris depositata venerdì in Procura. I rilievi dell’Arma non avrebbero riscontrato tracce degli altri due fermati – Desmond Lucky, 22 anni, e Lucky Awelima, 28 anni – che sono in carcere ad Ancona per le stesse accuse di Oseghale. Come riporta l’Ansa, nell’inchiesta è indagato un quarto nigeriano. Resta il giallo su altre impronte trovate nella casa e non corrispondenti agli indagati. Il 6 aprile a Roma gli investigatori scientifici dell’arma dei carabinieri inizieranno un altro accertamento irripetibile su una scatola di guanti in lattice sequestrata: gli inquirenti, che pongono gli indagati sul luogo del delitto in base alla tracciatura dei telefoni, cercano chi potrebbe avere toccato la scatola prima di smembrare il corpo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgiorapanelli@virgilio.it 2 aprile 2018

    Dopo il delitto-massacri di Pamela continua per noi maceratesi l’orrore degli scheletri all’Hotel House di Porto Recanati, dove Salvini fu duramente contestato da PD e Sinistra, ma che oggi tacciono, senza alcuna autocritica politica, o mea culpa. Sì, perché questi delitti, e lo spaccio, e lo sperpero di denaro degli Italiani per mantenere i clandestini soprattutto africani non sarebbero avvenuti se non ci fosse stata la sconsiderata teoria del multiculturalismo o la vaticana “misericordia”. A Macerata nessuno crede che sia stato il solo Oseghale a poter fare da solo e con le sue mani il lavoro di alta chirurgia dello smembramento del corpo di Pamela. Quindi, gli inquirenti dovranno continuare le indagini. Però, malgrado gli spacciatori neri non si ritrovano nei vecchi luoghi di spaccio, ancora sono tra noi, poiché nessuno, che sia a nostra conoscenza, è stato espulso. Ci si augura che il nuovo governo Centro Destra-M5S – che la gente vuole sia varato ad ogni costo – cominci ad arginare la politica omicida e suicida del Centro Sinistra.