Uber, auto a guida autonoma investe pedone: bloccati tutti i test

lunedì 19 marzo 19:42 - DI Paolo Lami

Uber ferma i test con i veicoli a guida autonoma dopo l’incidente provocato da un veicolo della compagnia, che ha travolto una donna, investita a Tempe, in Arizona, uccidendola.
Lo stop riguarda i test programmati a San Francisco, Phoenix, Pittsburgh e Toronto. La Commissione per la Sicurezza dei trasporti ha aperto un’inchiesta sulla vicenda.
E’ il primo incidente mortale a coinvolgere un pedone nel programma partito in California nel 2016 e proprio nei giorni scorsi, l’Amministratore Delegato di Uber, Dara Khosrowshahi aveva espresso la speranza di poter mettere in servizio entro 18 mesi le prime auto a guida autonoma brandizzate Uber, ma quest’ultimo incidente rischia di rallentare questo cammino.
«Il nostro pensiero va alla famiglia della vittima – ha fatto sapere Uber in una nota – Stiamo collaborando totalmente con le autorità locali nelle indagini su questo incidente».

Uber ha annunciato la decisione di bloccare questi esperimenti nel tentativo di comprendere la dinamica che ha portato il veicolo a guida autonoma – ma al cui interno era presente un tecnico della società – a colpire una donna che a Tempe, in Arizona, stava camminando fuori dal marciapiede.

Secondo il quotidiano Arizona Central, la donna stava attraversando la strada sulle strisce pedonali quando è stata investita dall’auto, attorno alle 22 locali di domenica. Nel veicolo era presente un addetto ma – sostiene il giornale – al momento dell’incidente l’auto era in modalità “guida autonoma”. La donna, soccorsa immediatamente, è stata trasportata in ospedale dove è deceduta.

Un anno fa un’altra auto a guida autonoma di Uber, una Volvo XC90, era andata a sbattere contro un’altra auto che non si era fermata allo stop. Anche in quel caso l’auto a guida autonoma – che, poi, si è ribaltata in seguito all’incidente, aveva a bordo un autista di sicurezza.

Nel 2016, inoltre, un uomo alla guida del suo Tesla con il pilota automatico, era morto in Florida allorquando il software di auto-guida non aveva riconosciuto la sagoma di un camion e l’auto ci si era schiantata contro.

L’attenzione degli investigatori e dei tecnici di Uber ora sarà incentrata sulla dinamica dell’incidente, a partire dal funzionamento del sistema di rilevamento degli ostacoli che, in teoria, avrebbe dovuto arrestare il veicolo, una volta identificata la donna. Ma così non è accaduto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • clamor@vodafone.it 20 marzo 2018

    Questi accrocchi e le auto ibride o elettriche che dir si voglia, sono solo pionerismo e tale resta. I pionieri del motore, prima a benzina e poi a nafta, hanno prodotto quello che oggi abbiamo e con sistemi sofisticati di ottima qualità. Riguardo alla guida autonoma siamo ancora nella fase di studio, anche se con tecnologie e sistemi avanzati rispetto alla fine ottocento ed inizio novecento. Sono gli interessi delle varie lobby industriali ed economiche, uniti a certi giornalisti, che ce lo vogliono far passare per il presente, ormai a portata di mano e non per un futuro ancora da ben definire. E’ chiaro che si dovranno ancora superare momenti critici ed insuccessi, prima che tutto possa essere immesso in maniera sicura ed economica sul mercato.

  • eleonora4198@virgilio.it 20 marzo 2018

    per quello che soio , i pedoni sono come le oche . guardateli mentre attraversano le strade sulle strisce . vanno avanti come oche , non guardano mai prima di scendere dal marciapiede e le frenate sono stridenti . non perchè tu corri , ma perchè all’ultimo secondo decidono che loro hanno i diritti di farsi investire . e poi vogliono le auto senza autista ‘ MA PER FAVORE

  • gisellafalzoni@hotmail.com 20 marzo 2018

    ma perché ???

  • Gino Vercesi 20 marzo 2018

    I “mondo dei motori” se gestito da persone intelligenti e non da avventurieri con le solite mire di dollari…camuffate da presunte novità tecniche .. sole proposte per gli imbecilli…non avrebbe neanche iniziato una avventura così …idiota….!

  • luigifassone@gmail.com 20 marzo 2018

    E poi c’è chi vuol far navigare anche le navi senza guida,pardon ! Senza equipaggio…