Tiziano Renzi non risponde ai giudici e compra spazi sui giornali per difendersi

Un’intera pagina del quotidiano Qn (Il Giorno, Il Resto del Carlino e La Nazione) è stata acquistata da Tiziano Renzi, padre dell’ex premier ed ex segretario del Pd, per pubblicare la nota diffusa ieri sera, tramite il suo legale Federico Bagattini, in cui chiede di essere processato nei tribunali e non più sui giornali. «Dichiarazione di Tiziano Renzi – Stop allo stillicidio, chiedo di essere processato ovunque», è il titolo dell’inserzione a pagamento firmata semplicemente “Tiziano Renzi”. Nella nota il padre dell’ex premier ed ex segretario del Pd, che abita a Rignano sull’Arno (Fi) se la prende coi giornali che hanno raccontato le indagini dei magistrati nei suoi confronti. Ribadisce la sua innocenza e dice basta ai processi sui giornali «per il nome che porto».

Tiziano Renzi: «Da cittadino modello a pluri-indagato»

«Da quattro anni – scrive il padre dell’ex premier Matteo Renzi – la mia vita professionale e personale è stata totalmente stravolta. Dopo anni di onorata carriera, senza alcun procedimento penale mai aperto in tutta la mia vita nei miei confronti, mi sono trovato improvvisamente sotto indagine in più procure d’Italia per svariati motivi. All’improvviso e del tutto casualmente dal 2014 la nostra vita è stata totalmente rivoluzionata: da cittadino modello a pluri-indagato cui dedicare pagine e pagine sui giornali. Alla veneranda età di 67 anni confesso la mia stanchezza. Ribadisco con forza e determinazione che non ho mai commesso alcuno dei reati per i quali sono stato – e in alcuni casi ancora sono – indagato».

Le indagini

Tiziano Renzi, poi, ha passato in rassegna le indagini in cui è coinvolto, rispedendo al mittente le accuse: «Non ho mai fatto bancarotta fraudolenta come finalmente dopo anni di indagine a Genova si è stabilito con l’archiviazione del procedimento; non ho mai commesso il reato di traffico di influenza per il quale sono stato messo sotto indagine a Napoli prima e a Roma poi; non ho mai fatto fatture false come si ipotizza a Firenze». Poi l’accusa ai giornali: «Urlo con forza la mia innocenza che peraltro nessuno ha mai potuto negare in questi anni. Ma dopo quattro anni di processi sui giornali con uno stillicidio di anticipazioni, notizie, scoop senza che mai ci sia un solo responsabile per le clamorose e continue fughe di notizie, adesso dico basta. Sono io che chiedo che si facciano i processi. Ma si facciano nelle aule di tribunale, non sui giornali. Ho il dovere di difendere la mia dignità e la credibilità professionale della mia azienda».

Tiziano Renzi ha poi annunciato la sua strategia processuale: «D’ora in avanti in tutti i procedimenti in cui sono coinvolto mi avvarrò della facoltà di non rispondere. Non ho niente da temere, non avendo commesso alcuno dei reati che mi sono stati contestati. Ma voglio essere processato davanti alla Giustizia italiana per ciò che ho fatto, non sui giornali per il cognome che porto. Ancora oggi dovevo essere interrogato a Firenze e ore prima dell’appuntamento con i magistrati le redazioni dei giornali erano già state allertate. Sono un cittadino italiano stupito da ciò che è avvenuto nei procedimenti giudiziari che mi riguardano a cominciare dalla evidente falsificazione di presunte prove nei miei confronti, falsificazione così enorme da suonare paradossale. Ma credo nella giustizia e nelle Istituzioni italiane. E dunque mi auguro che si celebrino i processi. Chiedo – ha scritto ancora nella nota – che si celebrino i processi: quelli in cui sono indagato e quelli in cui ho chiesto risarcimento danni per tutelare la storia professionale mia e della mia azienda. Se devo essere processato, che mi processino. Che mi processino il più velocemente possibile, se possibile. Passerò i prossimi anni della mia vita nei tribunali per difendermi da accuse insussistenti e per chiedere i danni a chi mi ha diffamato. Ma almeno potrò dire ai miei nipoti che la giustizia si esercita nelle aule dei tribunali e non nelle fughe di notizie e nei processi mediatici».

In procura

Ieri Tiziano Renzi, prima di diffondere la nota, si era presentato in procura a Firenze, insieme alla moglie Laura Bovoli, per un’inchiesta su alcune fatture sospette emerse nel corso delle indagini sull’immobiliarista Luigi Dagostino per essere sentiti dal pm Christine von Borries. Il padre e la madre dell’ex premier, da quanto si apprende, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Nelle prossime ore Tiziano Renzi dovrebbe essere interrogato dai magistrati romani nell’ambito dell’inchiesta Consip, nella quale è indagato per traffico di influenze illecite.