Terrorizzarono un fast food di Milano: egiziani arrestati. Il video della fuga

sabato 3 marzo 19:00 - DI Redazione

Gli agenti del commissariato Centro di Milano hanno eseguito l’arresto di due uomini di origine egiziana, Abanoub Safwat Moawad Attia, 21 anni, e Mohamed Farah Mostafa Abdelghany, 22 anni, ritenuti responsabili in concorso con altri soggetti, al momento ignoti, del reato di lesioni gravissime aggravate dall’uso delle armi, per aver aggredito un uomo all’esterno del fast food vicino piazza Duomo. Il 2 dicembre scorso, intorno alle ore 20.30, all’interno del McDonald’s in galleria Ciro Fontana, un cittadino albanese è stato molestato dal gruppo di giovani di origine nordafricana (una decina) che già in precedenti occasioni si erano rivolti a lui con frasi ingiuriose e minacciose.

L’intervenuto del responsabile del servizio di accoglienza dell’esercizio pubblico non è bastato: la discussione è proseguita fuori e la vittima è stata ripetutamente colpita con calci e pugni, quindi con un’arma da punta e taglio. Diverse le ferite all’arcata sopraccigliare sinistra e nella parte lombare sinistra, oltre alla lussazione della spalla sinistra e un trauma nasale, per una prognosi di 50 giorni.

 L’attività di indagine del commissariato Centro, coordinata dal sostituto procuratore Piero Basilone, ha permesso attraverso le immagini delle telecamere presenti in zona, insieme alla collaborazione della vittima e del responsabile della sicurezza, di identificare i due “con un curriculum criminale già collaudato da pregressi arresti per rapina aggravata da uso di armi e detenzione di sostanze stupefacenti”. Il 22enne è stato fermato proprio all’interno del McDonald’s, il connazionale invece nell’estrema periferia sud di Milano. Per loro si sono aperte le porte del carcere di San Vittore, un terzo cittadino egiziano è stato indagato per lo stesso episodio.

Nel video i due uomini in fuga: verrano identificati anche grazie a queste immagini, riprese dalle telecamere di videosorveglianza della zona.

il video della polizia

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *