Tentato omicidio per motivi passionali: arrestato un ex giocatore del Napoli

giovedì 29 marzo 10:37 - DI Roberto Mariotti

Avrebbero ferito le vittime con colpi al torace durante un litigio. E questo litigio – secondo la ricostruzione e alcune testimonianze – sarebbe scoppiato per motivi passionali. È stato convalidato il fermo dei due uomini bloccati il pomeriggio del 26 marzo e accusati di aver accoltellato i fratelli Gennaro e Carmine Saltalamacchia davanti a un centro estetico. Si tratta di Giovanni e Massimo Russo, rispettivamente 52 e 37 anni, accusati di concorso in tentato omicidio aggravato. Massimo Russo è un ex giocatore del Napoli e dell’Avellino.

Incastrati dai sistemi di videosorveglianza

I due fratelli, nipoti del ras detenuto Eduardo Saltalamacchia, erano stati trasporti al San Giovanni Bosco e al Loreto Mare e operati d’urgenza; ricoverati in prognosi riservata, non sarebbero in pericolo di vita. Giovanni e Massimo Russo, zio e nipote, e il secondo fidanzato con la figlia del primo, erano stati individuati dagli agenti e sono stati incastrati dalle immagini di alcuni sistemi di videosorveglianza che hanno ripreso l’aggressione. Sottoposti a fermo la sera stessa, dopo l’udienza di convalida il gip del Tribunale di Napoli ha emesso nei loro confronti una ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Massimo Russo, ex giocatore del Napoli

Massimo Russo ha un passato come calciatore professionista. Promettente terzino, nella stagione 2002-2003 aveva giocato col Napoli ma era stato vittima di un grave infortunio. Successivamente era tornato sui campi da gioco con le maglie di Como, Avellino, Torres, Crotone, Paganese e Benevento e, nel 2015, era approdato al Procida. Risale a questo periodo la lite con un controllore su un autobus di linea, quando insieme ad alcuni compagni di squadra non aveva obliterato il biglietto: l’uomo, colpito al volto, era finito in ospedale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *