Sparatoria a Roma, la colpa è di due nomadi: è tentato omicidio

Catturati nella notte i due pirati  fuggiti all’alt in via Ozanam, nel quartiere romano di Monteverde. Si tratta di due nomadi  di 22 e 23 anni, ‘specializzati’, secondo quanto accertato dai carabinieri del comando provinciale di Roma, in truffe dello specchietto ed estorsioni. Entrambi sono stati arrestati con l’accusa di omicidio continuato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale. I due nomadi  hanno tentato di investire i carabinieri, uno dei quali ha poi sparato un colpo che però, accidentalmente, ha ferito due donne, madre e figlia, che passavano di là. Le due donne sono ricoverate all’ospedale San Camillo ma non sono in pericolo di vita. In particolare, la donna di 48 anni è stata sottoposta a intervento chirurgico a una spalla mentre la figlia di 16 anni, ferita di striscio, è ricoverata in osservazione.

Secondo quanto emerso dagli accertamenti, uno dei due fermati già in passato si era reso responsabile di episodi del genere, tentando di sfuggire alle forze dell’ordine. Avrebbero tentato di investire prima un carabiniere in divisa che gli ha intimato l’alt e poi un altro in borghese che ha cercato di fermarli e ha poi esploso il  colpo che ha ferito madre e figlia a bordo di uno scooter.