Sollicciano, in due tentano di evadere dal carcere: bloccati dagli agenti

Bloccati proprio sul più bello, proprio mentre riassaporavano il gusto della libertà, anzi della latitanza. Protagonisti, due detenuti del carcere fiorentino di Sollicciano, un italiano e un marocchino, che sono stati riacciuffati da una pattuglia della polizia penitenziaria, in servizio all’esterno del penitenziario, mentre cercavano di evadere dall’istituto di pena. È accaduto intorno alle 21,30 di ieri sera.

Si tratta di un italiano e di un marocchino

A darne notizia è stato il Sindacato autonomo degli agenti della polizia penitenziaria. Secondo quanto ricostruito, i due avevano forzato le grate di una finestra della loro cella utilizzando come leva un ferro divelto dalla branda di uno di loro. Ad attirare l’attenzione delle guardie in servizio fuori dal carcere sono stati alcuni bagliori di luce.

Erano detenuti nella sezione dei sex offenders del carcere

I due detenuti, infatti, si erano serviti anche di un fornellino a gas per indebolire la struttura della finestra e favorire il cedimento del ferro. Poco prima che il tentativo si concretizzasse, gli agenti della polizia penitenziaria sono entrati in azione bloccando i due aspiranti evasi e li hanno riaccompagnati in carcere, nella sezione riservata ai sex offenders, cioè gli autori di reati a sfondo sessuale.