Roma, rubava i bagagli a viaggiatori e pendolari. Preso con le mani nel sacco

Nelle ultime due settimane era diventato l’incubo di viaggiatori e pendolari che prendevano i bus di linea dall’autostazione Tibus, in largo Guido Mazzoni a Roma. I suoi obiettivi erano i bagagli appena depositati nei portabagagli degli autobus, pronti a partire. È un 48enne romano, senza fissa dimora, ospitato per l’emergenza freddo in un centro della Caritas nei pressi della vicina stazione Fs Roma Tiburtina, il ladro seriale arrestato dai carabinieri della stazione Roma Nomentana con l’accusa di furto aggravato.

Le indagini dei carabinieri sono iniziate dopo diverse segnalazioni e denunce delle vittime, tali da portare in poco tempo a stabilire che dietro i molti episodi di furto c’era la stessa mano. Così, durante un mirato servizio di appostamento proprio nell’area di sosta nell’autostazione, i carabinieri hanno colto con le mani nel sacco il 48enne. L’uomo, dopo aver puntato una studentessa 19enne, che aveva lasciato la sua valigia all’interno del vano portabagagli si era accomodata sul bus in attesa della partenza, aveva riaperto il portellone e prelevato il bagaglio per poi darsi alla fuga. È stato però inseguito e bloccato dai carabinieri che hanno recuperato la refurtiva, restituita all’ignara vittima, in tempo per la partenza. A questo punto, i carabinieri hanno portato il ladro in caserma e, dopo aver visionato le immagini dei precedenti furti avvenuti con le stesse modalità, sono riusciti a collegare il suo volto ad altri cinque colpi consumati negli ultimi 15 giorni, dove era riuscito ad impossessarsi dei bagagli di turisti e viaggiatori.