Renzi rimpiange il mancato “110” alla laurea: «Sono stato un coglione…» (video)

giovedì 1 marzo 15:24 - di Redazione

Un “109” come voto di laurea per aver litigato con il relatore? «Ok, su questa rosico. E’ vero: ho preso 109. Penso di essere uno dei pochi cog… in Italia». Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, in un passaggio dell’intervista a Pif, fatta in macchina tra Modena e Bologna e pubblicata dall’ex premier sui suoi account social. E per avere la media giusta”, per ottenere l’ambito 110, ha raccontato Renzi, “ho rifiutato per tre volte il voto dell’ultimo esame”. La tesi di laurea era su La Pira e alla domanda se abbia mai più sentito il relatore in questione, Renzi ha preferito non rispondere.

Qui l’intervista integrale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Luisa Chiodini 1 marzo 2018

    Bisognerebbe riferire a renzi di non sentirsi coglione per aver preso109 come voto di laurea.
    Motivi per sentirsi coglione ne può trovare di infiniti: basterebbe che qualcuno si prendesse la briga di fargli risentire tutte le minchiate che dice quando apre quella boccaccia che si ritrova.
    Il “grullo” (per essere gentile!) infatti è del tutto incapace di profferire discorso anche solo con un minimo di senso compiuto e di credibilità a dimostrazione che non è certo una laurea a fare di questo attrezzo persona cui affidare le sorti di questa povera Italia.. Sappiamo poi benissimo come spesso sia facile ottenere una laurea in questo Paese! Potrebbe esserlo stato anche per un furbastro come lui ……………