Quattro anni di carcere al marocchino che aggredì le figlie di Giacobbo

martedì 13 marzo 15:41 - di Redazione

Lo scorso 7 febbraio aggredì le tre figlie del giornalista televisivo Roberto Giacobbo in via della Lungara, a Trastevere, tentando di rapinarle e minacciandole con una bottiglia. Oggi l’uomo, cittadino marocchino, è stato condannato a 4 anni e dieci mesi di reclusione dai giudici della quinta sezione del Tribunale. Per lui, Abdel Jebar El Karafli, 29 anni, l’accusa è di tentata rapina e lesioni. L’uomo, difeso dall’avvocato Maria Bianca Punzi, voleva rubare i telefoni cellulari delle tre figlie del conduttore di Voyager.

Marrocchino aggredì le figlie di Giacobbo

Quando una delle vittime si era messa a urlare per chiedere aiuto, il maroccchino aveva cercato di colpirla alla testa. Ma le urla della ragazza avevano costretto l’uomo a darsi alla fuga. Abdel Jabar El Karafli, già noto alle forze dell’ordine, già sottoposto all’obbligo di firma, era stato rintracciato da una pattuglia del commissariato che lo aveva bloccato. Le figlie del giornalista erano state soccorse dalla polizia e dall’Ares 118. La giovane ferita era stata accompagnata al vicino ospedale Santo Spirito e dimessa con qualche giorno di prognosi. L’uomo era stato portato subito dopo al carcere di Regina Coeli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • merighifranco1@gmail.com 14 marzo 2018

    Primo : modificare le pene detentive semplicemente triplicandole . . . in un batter d’occhio e’ fatto .
    Secondo : ai magistrati vietare di fare gli avvocati . Per i recidivi nuova professione e stipendio
    inserendoli nella squadra volante della polizia . . . qualcosa impareranno .

  • fghajdk@csj.com 14 marzo 2018

    Ovviamemente il nordafricano aveva già precedenti… e naturalmente girava ancora in Italia libero di delinquere. Cosa che tornerà a fare presto.
    Bisognerebbe mettere in cella con la bestia anche chi gli ha concesso il permesso di soggiorno.