Psicosi in Lombardia, boati e strane esplosioni in cielo: “Tremava tutto”

“Tremava tutto, siamo terrorizzati”. Paura in Lombardia per due violenti boati sentiti in tutta la regione. Ai numeri delle forze dell’ordine, del 118 e dei vigili del fuoco sono arrivate centinaie  di chiamate da parte di cittadini spaventati. Sulla rete, il panico era palpabile. Si tratta di due caccia intercettori Eurofighter dell’Aeronautica Militare, decollati dalla base di Istrana, in provincia di Treviso, che hanno infranto il muro del suono fra le province di Bergamo e Varese diffondendo l’allarme fra la popolazione. I boati sono stati avvertiti anche in Piemonte e Canton Ticino. I due caccia, spiega l’Aeronautica Militare, sono decollati per intercettare un aereo Boeing 777 dell’Air France, proveniente dall’Isola della Reunion e diretto a Parigi, per un mancato contatto radio con gli enti di controllo italiani. I due Eurofighter, per minimizzare i tempi, sono stati autorizzati a superare la barriera del suono: hanno quindi stabilito il contatto visivo con l’aereo e hanno fatto in modo che fossero ripristinati i contatti radio. L’allarme era scattato in mezza Lombardia. A Verderio, nei comuni sul Seveso e sull’Adda. A Bergamo, addirittura, il tribunale e alcune scuole erano state evacuate. E anche a Milano le segnalazioni erano state tantissime. Poi c’era stato l’effetto moltiplicatore dei social network e il panico, in rete, con migliaia di utenti a pubblicare post audio e commenti in preda al panico, tale da configurare in quel lasso di tempo una vera e propria psicosi.