Parla un generale: «Ci sono le elezioni e magicamente non ci sono più sbarchi»

sabato 3 marzo 14:50 - di Sara Gentile

L’ex generale di Corpo d’Armata Vincenzo Santo, capo di Stato Maggiore delle Forze Nato in Afghanistan osserva: «Sono giorni che non si sente parlare di gente che sbarca sulle nostre coste o di poveri disgraziati che vengono portati nei nostri porti. Non ci sono più immigrati. Non sarà mai che qualcuno da qui riesca a dirigere quel traffico e dopo il 4 marzo farà riprendere quei viaggi della speranza? Mai dire mai».

Il militare: «Tante le navi che aspettano con una coperta»

L’ex generale scrive queste parole su ReportDifesa, uno dei più autorevoli giornali di geopolitica e sicurezza. Qualche mese fa, su queste stesse pagine, invocava l’impiego dell’esercito come unica valida ed efficace alternativa per fermare l’ immigrazione illegale. «In questi giorni – aggiunge l’ alto ufficiale – nessuno parte più dal Nord Africa. Eppure sono tante le navi al largo che aspettano con una coperta e un tè caldo. Ed i barconi non viaggiano sui binari. Forse perché» sospetta il generale «siamo a ridosso delle elezioni».

Scrive ancora Vincenzo Santo: «Uno spettro si aggira per l’Europa: lo spettro dell’immigrazione. Lo dico da cittadino, e ne sono preoccupato. E il relativismo imperante ci porta a dover essere contenti persino del fatto che il numero degli sbarchi appaia in diminuzione. Pazzia! Non è questo il problema, il vero problema è che devono cessare gli sbarchi e che comunque l’immigrazione debba essere controllata e gestita con maggiore senso dello stato e, soprattutto, scrollandoci l’idea che ci vogliono inculcare che sia un fenomeno inarrestabile e ineluttabile. Ci confrontiamo con due formidabili “opposizioni”: la convenienza economica (pecunia non olet) che ha garantito fior di milioni, nostri, a cooperative e onlus, e una convinzione dell’assoluto, che eticizza una visione utopica della promessa occidentale per cui… tutti dovrebbero potersi stabilire dove vogliono. Una posizione radicale elevata a valore universale. Chi la pensa diversamente è xenofobo, razzista. E questa disgrazia del pensiero progressista occidentale copre i malfattori che di questo afflato se ne fregano ma solo gustano la possibilità di un grande guadagno».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ADRIANO AGOSTINI 4 marzo 2018

    Questo dimostra la MALAFEDE del PD.

  • davide cogliati 4 marzo 2018

    OTTIMO PUNTO DI VISTA, concordo, gia’ visto e notato, quindi e’ posssibile….percio’ ERA INTERESSE DEL PD AVERE PIU’ IMMIGRATI PER AVERE PIU’ VOTI A FAVORE ORA E DOPO.

  • Francesco Desalvo 4 marzo 2018

    il Ben Frank, che scrive in un italiano troppo corretto per sembrare straniero finge di ignorare che i militari in servizio non possono esprimere opinioni.
    E poi esprimere giudizi “tromboni” senza una base di informazione sa tanto di grillismo.

    • Ben Frank 5 marzo 2018

      In Germania vi sono università dove si studiano le lingue straniere per davvero, in Italia vi sono dottori che storpiano la loro lingua madre, caro doktor Desalvo. Gli italiani lamentano poi, che i generali tedeschi della II GM non si siano ribellati agli ordini criminali di Hitler, per cui molti furono trattati da criminali di guerra. Ma voi italiani siete abituati a cambiare di fronte.

  • Luigi Fassone 4 marzo 2018

    Pieno assenso,da parte mia,a quello che ha detto questo generale. Un ragionamento che collima al 110 / 100 col mio ! Sia detta una cosa importante : non è mic a detto,stabilito con bolli e ceralacche che i “respingimenti” debbano essere violenti per i poveretti che cercano (illegalmente) di venire in Italia. Si può rifocillarli anche in alto mare,se c’è qualche partoriente la si imbarca,i barconi si possono riaccompagnare poi donde son venuti o,almeno,a 12,5 miglia dalle loro coste. Anche se dopo i primi due o tre respingimenti i tentativi di espatrio non cesseranno subito,finiranno col quarto.,col quinto o col sesto…

  • Ben Frank 4 marzo 2018

    Peccato solo, che i generaloni dell’esercito badogliano aprano la bocca solo dopo essersi assicurati la pensione. Fino a che sono in carriera tacciono, ammiccano e si piegano ai desiderata dei governi fantoccio,imposti dalle centrali di potere straniere. Se una cosa non manca all’Italia, sono proprio i generali tromboni!

  • Gino Vercesi 4 marzo 2018

    “qualcuno” dovrebbe finalmente svegliarsi e andare a vedere cosa succede in Africa da anni…….! dove i Cinesi investono ,costruiscono, prendono possesso delle miniere più importanti,(buxite,litio,cobalto…) e anche forniscono i gommoni – a modico prezzo..- per trasferimenti delle “risorse”….il tutto ovviamente con il placet dei Boss locali….e la tanto esaltata Europa…dov’é ???

  • Sabino Gallo 4 marzo 2018

    Il generale sa tutto con chiarezza, ma lo esprime con interrogativi e stupore,
    perché è una persona educata e cortese. Che questo traffico umano sia sollecitato da interessi economici , ideologici e politici lo hanno capito anche i gatti ormai! Ma , soprattutto , i poveri e veri disgraziati che , per salvare quel poco che gli resta, fuggono da quelle guerre infernali ed i migranti economici che pagano per venire in Europa per rifarsi delle spese sostenute ed aggiungere quanto necessario per giustificare l’avventura non esente da rischi. Con le elezioni in corso , il problema si pone per tutti : organizzatori di viaggi, rifugiati di guerre (cioè quelli stanno peggio !), migranti economici e politici accoglienti e non accoglienti. Ovviamente , la politica è la più preoccupata! Basta immaginare cosa sarebbe accaduto nella testa degli elettori che si recano alle urne, oggi ! Ma il problema coinvolge anche le alt sfere di tutte le religioni presenti che, in questo momento, non saprebbero cosa dire , senza provocare reazioni di ogni tipologia. Che strana situazione ! Sembra simile a quella del “riscaldamento globale” , sul quale tutti parlano senza dir niente , quando chi ha freddo sente il caldo con piacere e chi ha caldo urla perché non può andare in vacanza! Questa è la situazione “globale” della nostra epoca!

  • giovanni battista ardoino 4 marzo 2018

    Solo un appunto il Gen. CdA Vincenzo Santo non è ex. Può essere in pensione o in ausiliaria, ma il grado lo mantiene eccome. Anch’io non sono un ex Tenente o, tantomeno ex alpino. Non si scrive mai ex ingegnere, ex avvocato, ecc. Almeno voi non cadete nel malvezzo di definire ex i miltari. Gradie e qualifiche si perdono solo per indegnità

  • Luigi 4 marzo 2018

    Quello che si vede nel’atteggiamento dei nostri politici la mancanza del patriottismo l’orgoglio di difendere a tutti i costi, l’Italia, calpestando l’onore dei nostri padri.

  • maurizio turoli 4 marzo 2018

    Signor General, finalmente una voce autorevolee cvompetente che sosieno ciò che vado dicendo da tre anni.
    Onare ala Foeze Amate che, con abnegazione, senso del dovere, professionalità e …. scarsa tutelaistituzionale rischiano alvita in patria e nennemissioni (che io chiamo guerra in qquanto si spara, si muore, si salta in aria e si resta invalidi)

  • Salvatore Torre 4 marzo 2018

    Convengo con le osservazioni e sottolineo in particolare quanto le cooperative abbiano trovato spazio e, di conseguenza, si sia creata una condizione di vantaggio per approfittatori politici. Il mio augurio è che si riesca a bloccare il fenomeno e che le cooperative opportunistiche orientino ad obbiettivi economici produttivi la loro ragione sociale. Trovo scandaloso che ci sia chi stia ringraziando di aver trovato lavoro per l’evento immigrazione.

  • Mario Venturini 3 marzo 2018

    Sacrosante parole, grazie al Comandante e grazie alla giornalista Sara Gentile che ci informa come si deve.
    (Mario Venturini, Milano)

  • SBARCHI 3 marzo 2018

    Gli artefici di questo splendido risultato penso siano due :
    ministro della “difesa degli interessi del pd”
    ministro dell’interno “del sottogoverno” ( pd ) .
    Non credo che centri il ministro degli esteri comprato e reso
    impotente al punto tale di non aver mai contato niente .
    boldrina e compagni nemmeno loro : sono gia’ imbarcati e imboscati
    sulle navi al largo ” un fuggi-fuggi” verso l’africa da dove sono arrivati .

    • bruno 4 marzo 2018

      ti rispondo con un MI PIACE