Monza, 19enne violentata in stazione: i passanti la salvano dalle grinfie del tunisino

lunedì 26 marzo 12:56 - DI Redazione

Era appena entrata in stazione, di ritorno da una giornata di lavoro quando si è accorta di essere seguita da un uomo, un tunisino 28enne, clandestino come i tanti immigrati a spasso per gli scali ferroviari e le fermate delle metropolitane delle nostre città.

Tunisino violenta una 19enne italiana in stazione a Desio

Così, quando controllando i suoi spostamenti con la coda dell’occhio, la ragazza – un’italiana di origini tunisine, di Cavenago, in Brianza – ha capito che quell’uomo aveva preso di mira proprio lei, che stava seguendo proprio lei, che avrebbe potuto far del male proprio a lei, ha cominciato ad aumentare la velocità dei suoi passi, cercando di accelerare l’ingresso nella stazione dei treni di Desio dove, deve aver pensato la 19enne terrorizzata, magari sarebbe stata salva in mezzo alle gente: a quell’ora, infatti, i binari sono affollati di pendolari di ritorno, come la rgiovane, da una giornata di lavoro. L’uomo, però, si è messo a correre e, ormai incurante del fatto di essere scoperto, con poche falcate l’ha raggiunta in pochi istanti e aggredita, cominciando a palpeggiarla ovunque, immobilizzandola al tempo stesso, in modo da impedirle qualunque tentativo di difesa.

Le urla della giovane richiamano i passanti che la salvano

E allora, secondo la dinamica ricostruita nel dettaglio da un esaustivo servizio pubblicato sul Corriere online, la ragazza, intuite le intenzioni del tunisino, ha cominciato a correre; l’uomo, però, l’ha raggiunta, superata e le si è piazzato davanti sbarrandole la strada e impedendole di arrivare al vagone del treno che doveva prendere, proprio quando era a pochi passi dai binari. Poi, rivolgendole apprezzamenti volgari e palpandola dappertutto, ha tentato addirittura di spogliarla: e a quel punto la 19enne, in preda al panico, ha reagito iniziando a urlare disperatamente, richiamando così l’attenzione dei passanti che, intervenuti tempestivamente, hanno messo in fuga il tunisino. Il quale, però, non è riuscito a mettersi in salvo salendo su un treno che era in partenza. A quel punto, fallita la fuga, il tunisino ha pensato bene di ferirsi e di addossare le colpe alla ragazza che, a sua detta, l’avrebbe aggredito: ma l’intera sequenza è stata seguita telefonicamente da un operatore del 112 a cui, nel frattempo, la ragazza si era rivoplta pèer denunciare l’accaduto. Arrestato il tunisino, la giovane vittima è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale di Desio dove le è stato messo a disposizione il supporto psicologico previsto in questi casi.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • santinaneri@gmail.com 28 marzo 2018

    Non ci sono. Parole solo. Rabbia .

  • nresenterra@hotmail.com 27 marzo 2018

    pezzo di m….da

  • max.bialystock@libero.it 27 marzo 2018

    le soluzioni, anche per problemi seri, è spesso più semplice di quanto si sia portati a credere, con sano buon senso direi: “basta non farli entrare più” . Laura

  • papy_denis@libero.it 27 marzo 2018

    Taglio dei gioielli nn castrazione chimica ma chirurgica così nn crea più problemi fino a che campa

  • 27 marzo 2018

    Castrazione permanente quando no su non sega nada!!!

  • gioele1999.gl@gmail.co 26 marzo 2018

    Non possiamo più andare avanti così , tutti i santi giorni è di questa ! Il razzismo lo hanno scatenato i fasciocomunisti , e per questo dico senza pentimento : pena di morte a questi esseri disumani !!