Modena, ghanese stupra e mette incinta la figlia a 13 anni: a processo

Finirà a processo il giovane ghanese che nel 2015 a Modena aveva violentato e messo incinta la figlia di appena 13 anni. Una vicenda orrenda. Nella città emiliana si è aperto ieri il processo contro un uomo che tre anni fa si era presentato al consultorio chiedendo che la figlia appena adolescente potesse sottoporsi a un intervento per interrompere la gravidanza. In un primo momento la ragazzina aveva accusato il fratello, anch’egli minorenne, per cui si è aperto (e già chiuso) un procedimento di fronte al tribunale per i minori di Bologna. Il fratello è comunque stato prosciolto da ogni accusa. Ma la  verità era più atroce: come dimostrato dagli accertamenti genetici effettuati sul feto, a mettere incinta la tredicenne era stato il suo stesso padre. Il processo vede imputato l’uomo per violenza sessuale aggravata e deve rispondere anche del reato di abuso dei mezzi di correzione: non solo avrebbe violentato la figlioletta ma l’avrebbe più volte colpita con un bastone e chiusa fuori, al freddo