Migranti, Tajani: «In Italia è allarme sociale, l’Europa intervenga»

«Ho sottolineato nei colloqui che ho avuto con la signora Merkel e con il presidente Macron, ma anche nel mio intervento, parlando dell’Italia, che c’è un allarme sociale per quanto riguarda la questione immigrazione». Lo ha detto il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, in conferenza stampa a Bruxelles a margine del Consiglio Europeo. «Il dibattito sugli oltre 700mila immigrati è stato esasperato dall’omicidio di una diciottenne (Pamela Mastropietro, ndr) da parte di un gruppo di nigeriani. Il dramma di questa ragazza è stato la prima notizia nei media a pochi giorni dal voto», ha ricordato Tafani. E, in questo contesto, «il messaggio passato dall’Europa – ha aggiunto – è stato che “i Paesi Ue chiudono le proprie frontiere, puntano i piedi sulla ridistribuzione di poche migliaia di rifugiati, lasciano che tutti gli sbarchi avvengano da noi”».

«E quindi l’Europa – ha aggiunto Tajani – non può non fare ascoltare la sua voce, attraverso scelte concrete, che devono riguardare tutta l’Europa. Ma l’Italia, insieme alla Grecia e alla Germania per un altro verso, è uno dei Paesi che più soffre per la questione dell’immigrazione. Non può essere sottovalutata: guardiamo a quello che accade in Africa».

«Ecco perché – ha proseguito – ho chiesto al Consiglio che si avvii una strategia, chiamiamola piano Marshall per l’Africa, per risolvere i problemi lì, per evitare che si creino allarme sociale e un’immigrazione fuori controllo. L’ho fatto parlando da italiano, ma anche da presidente del Parlamento, visto che ci sono dei testi approvati».

«Ho chiesto al Consiglio – ha continuato – di risolvere la questione della riforma del diritto d’asilo: il Parlamento da tempo ha inviato la proposta corretta della Commissione Europea. Aspettiamo che il Consiglio faccia il suo dovere: si può votare anche a maggioranza qualificata. È un problema che si può e si deve risolvere, come quella del piano Marshall per l’Africa. Sarebbero segnali importanti, che non farebbero sentire l’Italia e la Grecia sole e la Germania il luogo in cui devono andare tutti gli immigrati».