Meloni lancia il “patto di pietra”. Berlusconi: «Siamo 4 eroi, votateci»

giovedì 1 marzo 17:54 - DI Eleonora Guerra

Sala strapiena e folla assiepata fuori ad ascoltare dagli altoparlanti per la manifestazione del centrodestra al Tempio di Adriano, a Piazza di Pietra, a Roma. «Insieme per vincere» era lo slogan dell’incontro, nato come ultimo appello al voto agli italiani. E l’appello c’è stato: ripetuto, declinato in diverse forme, sottolineato anche dalla lettura, fatta da Silvio Berlusconi, di una lettera agli italiani, perché non solo vadano a votare per il centrodestra, ma si mobilitino come «missionari» del voto. «Andate tutti a votare. Andate a prelevare pure le vostre zie vecchiette e portatele a votare…», ha scherzato Berlusconi, rivolgendo l’appello anche agli elettori del Lazio, a sostegno di Stefano Parisi, presente all’incontro al pari dei leader: oltre al Cav, Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Raffaele Fitto.

 «Questa è la manifestazione anti-inciucio»

Declinando il programma, però, i leader del centrodestra, tutti e quattro insieme, hanno anche ribadito che non vi sarà spazio per alcun “inciucio”, che per i partiti della coalizione è impensabile formare un governo con altre forze politiche. «Questo è l’unico perimetro possibile per questi partiti, non ci sono scelte diverse da quelle che vedete qui», ha detto Giorgia Meloni, indicando gli alleati e suscitando un intervento fuori programma di Berlusconi, il quale ha ribadito l’impegno: «Ciascuno di noi ha preso l’assoluto impegno a non aprirsi a coalizioni con altri partiti, anche se non raggiungessimo la maggioranza elettorale. Su questo non c’è alcun dubbio». Dunque, «alla fine la famosa manifestazione anti-inciucio l’abbiamo fatta», ha rilevato la leader di FdI, incassando l’applauso della sala. Oggi siamo a piazza di Pietra, speriamo che questa coalizione riesca ad avere la stessa forza e la stessa struttura che ha la pietra», ha aggiunto Meloni, mentre il leader azzurro ricordava che «l’unica coalizione che potrà garantire un governo forte e stabile è solo quella del centrodestra, formata da questi quattro eroi della libertà e della democrazia…».

«Tra una settimana ci sarà il governo di centrodestra»

Ciascun leader si è soffermato a lungo sul programma, condiviso, stilato insieme, sottoscritto con convinzione. Dalla sicurezza al rilancio della scuola come primo presidio di educazione civica, dalla tutela del made in Italy alla valorizzazione del lavoro, fino a una fiscalità più equa, a partire dalla Flat tax, il centrodestra ha rilanciato con decisione la sua idea di Italia, forte e capace di tornare protagonista anche in Europa. Con la certezza che gli italiani siano al suo fianco. «Il sondaggio della gente mi dice che tra una settimana c’è il governo di centrodestra. Poi chi farà cosa lo vedremo il 5 marzo», ha detto Salvini, attestandosi come gli altri leader su una linea fermamente programmatica, tenendosi ben lontani dalle sceneggiate sulla presentazione di fantomatici governi, che in queste ore impegnano tanto, per esempio, il M5s. «Parliamo di ministeri, non di ministri», ha detto Meloni, indicando così anche una lista di priorità: Giustizia sociale, Turismo e made in Italy, Lavoro e professioni. Temi che, per la leader di FdI, sono centrali e devono avere un dicastero dedicato.

Per l’Italia «un governo di patrioti o un governo di sudditi»

L’umore è alto. E soprattutto Berlusconi, che ha svolto anche la funzione di “moderatore”, non ha mancato di sottolinearlo con quel repertorio di battute, gag e inviti al pubblico che sempre lo hanno accompagnato nel corso di questa campagna elettorale. «Noi saremo un governo rivoluzionario. Siamo tutti rivoluzionari, ma ce n’è uno che lo è più degli altri: Raffaele Fitto», ha detto il Cav nel suo primo intervento, facendo capire da subito con quale tenore avrebbe svolto il suo ruolo di “maestro di cerimonie”. «La gente è arrabbiata, fatela sfogare prima che vada a votare, parlateci, in modo che poi nell’urna esprima un voto utile», ha detto Fitto, servendo un nuovo assist al Cav. «Picchiate prima il marito e dopo andate a votare. Così si sono sfogate e votano per noi…», ha detto il leader azzurro, richiamato subito a più miti consigli da Giorgia Meloni. «Attenzione, se le donne picchiano il marito poi quello è arrabbiato e vota M5S», ha avvertito la leader di FdI, facendosi però serissima quando è stato il momento di chiarire che «o vince il centrodestra o è il caos». «Nessuna delle altre forze può ottenere la maggioranza. O diamo all’Italia un governo di patrioti o l’Italia avrà un governo di sudditi, fatto sulla pelle dei cittadini per interessi diversi da quelli dei cittadini».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giorgio.conti@unipr.it 2 marzo 2018

    e’ evidente che il Cav. rosichi, ma e’ nell’ordine naturale delle cose anche se ce la mette tutta per ritagliarsi un ruolo. Occorre essere determinati e vigili, insomma tosti, e soprattutto chiari ed educati. Occorre rileggere i patti scellerati stipulati, con tutti e soprattutto con questa UE, patria di “gnomi” ed approfittatori. E’ mai possibile che la UE, oltre a tutto il resto e si potrebbe scrivere un tomo, ci abbia perfino imposto la dimensione fisica delle vongole pescate????paradossale, per non parlare del riso cambogiano o vietnamita.

    • marimanzo@gmx.net 2 marzo 2018

      Questa EU e’ veramente uno SCHIFO all’ennesima potenza.
      E’ tutta da rifare.

  • Fujsun2@gmail.com 2 marzo 2018

    BERLUSCONI e Forza Italia avete ed hai la colpa GRAVE di avere votato nel luglio 2012, l’esproprio di 125MLD dati all’ESM,a carico degli italiani, del governo comunista del massone rag. Mario MONTI.
    NON TI VOTERO’ MAI!

  • Fujsun2@gmail.com 2 marzo 2018

    Nessuno dei giornalisti di regime si è preso la briga di intervistare gli operai embraco che perderanno il loro posto di lavoro a causa
    -di chi ci ha infilato nell’euro, pagando;
    -della concorrenza di paesi dell’est-europa affamati dal regime ex-comunista egualitarista che ha prodotto solo miseria, ladri, mignotte e zingari.

  • Stefano Altieri 2 marzo 2018

    Spero arrivi prestissimo il 5 Marzo e poter cosi gioire della vittoria della destra al governo della nostra Italia, lasciando ai Pidioti l’Italia che si erano cuciti su misura per loro, sperando che questa veste possa stringersi e tolga loro la parola, rendendoli asfittici.

  • bruno1313@virgilio.it 2 marzo 2018

    Forza avanti questo è il momento giusto per mandare a casa questi sinistrorzi.Tutti a voate centrodestra.
    W L’ITALIA

  • archmoretto@libero.it 2 marzo 2018

    cittadine e cittadini italiani è giunto il momento di riprenderci la nostra Patria l’italia , la nostra dignità , la nostra cultura , il rispetto delle leggi . Abbiamo l’opportunità di farlo il 4 marzo con il proprio voto.Votiamo Centrodestra per ritornare alle nostre origini. Viva L’italia Viva la Patria Viva il Tricolore.

  • marimanzo@gmx.net 2 marzo 2018

    Sono sicura che Cav. Berlusconi guidera’ in meglio questo nostro splendido Paese
    martoriato. Con le lacrime agli occhi dico W. l’Italia !
    Quando si e’ lontani si ama la Patria ancora di piu’.

  • caput.enrico@gmail.com 2 marzo 2018

    Il centrodestra vincerà le elezioni,ma il compito che lo attende(ricostruire la nazione),dopo che PD&C hanno letteralmente DISTRUTTO l’Italia,sarà molto,molto difficile;comunque,siamo TUTTI pronti a darci da fare!

  • alfa1750rocco@yahoo.it 2 marzo 2018

    Molto bene uniti si vince! le mie simpatie per Giorgia ( Grande ) sono incondizionate e conto tantissimo sulla sua intelligenza. Detto questo, le ricordo di tenere a bada il vecchio pescecane l’Ombardozzo e noi, siamo Romani.

  • pietroghersi@gmail.com 2 marzo 2018

    Le prossime elezioni saranno l’ultimo atto della scomparsa del comunismo in Italia.
    E’ dal 68 che aspetto questo momento e grazie a Berlusconi siamo in dirittura d’arrivo

  • lorenzaceccaroni@libero.it 2 marzo 2018

    E speriamo di vincere sennò è veramente caos, diventa quasi un obbligo lasciare L Italia se vorremo sopravvivere… sbattuti fuori dalle nostre case , letteralmente, da chi invece deve dovrebbe tutelarci visto che si prende un sacco dei nostri soldi..

  • arnaldoresse@gmail.com 2 marzo 2018

    Se si vuole il rispetto dei valori storici, civili , etici e culturali dell’ Italia… VOTARE CENTRODESTRA — Se si vuole la ” famiglia ” costituita come la ” natura ” e la storia millenaria dell’ umanità ce la presenta…….VOTARE CENTRODESTRA….—-… Se si vuole il sacro rispetto dei valori del Tricolore della Patria Italia……VOTARE CENTRODESTRA…………..Se si vuole difendere il proprio ” patrimonio ” familiare costruito con il lavoro dei propri nonni e padri…. VOTARE CENTRODESTRA
    ……—- Se si vuole ” rifondare ” su valori positivi e di qualità educativa e professionale la Scuola…..VOTARE CENTRODESTRA….—— Se si vuole una vera, onesta ed armonica ” politica sociale “…. ( … con paricolare riguardo all’ edilizia popolare )….VOTARE CENTRODESTRA…… Ci sono tanti altri buoni motivi…… .completatelo voi. l’ elenco delle ” buone motivazioni ” ….per VOTARE CENTRODESTRA…..!

  • giacomosinagra@gmail.com 2 marzo 2018

    Andiamo tutti a votare. Votiamo chi crediamo sia necessario votare. Quando vedo la forza e la passione che sprigiona un “ottantenne” non posso che stimarlo e capire quanto vale.
    Quando vedo Renzi e il suo staff che parlano agli Italiani come se Vivessero in un altro Paese e noi dei rimbambiti, allora mi girano i c…………in e cambio canale. Spero che il voto del 04 marzo possa essere come quando schiacciando un tasto del telecomando alcune facce possano sparire.

  • turamarco@yahoo.it 2 marzo 2018

    Andiamo tutti a votare e non perdiamoci in quisquiglie che dividono

  • Giuseppe Forconi 2 marzo 2018

    Certo, certo il Cav. sicuramente rosica un pochino, ma credo , anzi spero, che capisca che c’e’ bisogno di un po di pugno duro. Sicuramente da dietro le quinte cerchera’ di dire la sua, ma mi auguro che tanto la Meloni come Salvini usino un educata e diplomatica parola verso il Cav. ma devono essere ferrei sulle decisioni. L’Italia si aspetta un radicale cambiamento e non vuole essere nuovamente delusa dai… se …dai ma…. poi vedremo ecc. ecc. Usate la ramazza piu’ dura che trovate e spazzate via tutto il marcio. Fate vedere o evidenziate con chiarezza cosa la sinistra e’ stata capace di non fare, di rubare durante il loro mandato e sbattetelo in faccia agli scettici e dubbiosi. L’Italia va ripulita di tutta la marmaglia che e’ stata autorizzata ad entrare senza logico e valido motivo e dopo chiudete le porte a sette mandate. Auguri.

  • 1 marzo 2018

    Speriamo in un cambiamento ma lo dubbio molto…ITALIA e molto, molto malata…capace in 100 anni la mia Italia no esisterà..sarà quello che Sarà…la nostra bellissima storia da tempo degli Etruschi a Ora sarà come si dice DUST IN THE WIND…

  • gdetoffoli@yahoo.it 1 marzo 2018

    Il Cav. rosicava male e si vedeva benissimo, infatti i suoi ripetuti gesti di sufficienza, carezze sulla testa, interruzioni fastidiose per interrompere l’altrui discorso o prese del braccio hanno evidenziato che ha a che fare con due veri capi determinati e chiari nell’esprimersi, imperturbabili. Non essere la prima donna è chiaro che gli pesa. Di fronte ad un anziano che palesemente non è nemmeno la fotocopia sbiadita di quello di venti anni fa. Speriamo che non faccia girare i maroni fra cinque giorni per aggiustarsi il primo posto anche se penso che dovrà fare posto! (finalmente)

    • arnaldoresse@gmail.com 2 marzo 2018

      Io con le mie 80 ” primavere “…..ho combattuto anche questa campagna politica,,,con intelligenza e grande ” slancio patrio “. Tocca ad ognuno di noi cittadini ” con cuore e cervello ” il compito di resistere alla ” deriva marxista ” ( che oggi si presenta anche con la deficiente maschera M5S…. ) .che da 100 anni stà opprimendo ( …ormai si può dire …distruggendo… ) il Mondo,,, ( ..leggasi ipotesi di ” guerra nucleare finale ” per colpa dei dementi comunisti della Corea del Nord…. e non solo …! ).

      • giubra63@yahoo.it 2 marzo 2018

        Bravissimo!!!

        Che vinca il centrodestra: e spero…
        Lega 18%
        Forza Italia 17%
        Fratelli d’Italia 7% (magari anche 10%)
        Noi con l’Italia 3%
        ———————–
        Totale 45%

        ma anche Casapound con un 3%

  • brandani43@gmail.com 1 marzo 2018

    Credo proprio che questa sia la volta buona. Andiamo tutti a votare, mi raccomando!