Maria Elisabetta Alberti Casellati é la prima donna presidente del Senato

Maria Elisabetta Alberti Casellati é la prima donna Presidente del Senato. È stata eletta con i voti di tutto il centrodestra e del M5S. Nella riunione mattutina dei leader del centrodestra, successiva alle fibrillazioni registratesi dopo l’accelerazione di Matteo Salvini, l’intesa con Silvio Berlusconi (sollecitata da Giorgia Meloni) era stata ritrovata proprio sul nome della parlamentare veneta, in Forza Italia sin dalla sua fondazione. Il tutto quasi a voler dare ragione a Giuseppe Valentino che, nel bel mezzo della bufera politico mediatica, aveva espresso il suo personale convincimento: “Se lo scenario si dovesse complicare sarà Elisabetta la soluzione“. E così, in effetti, é stato. L’intuizione del presidente della Fondazione di Alleanza Nazionale s’è infine materializzata, il centrodestra ha ripreso a macinare politica e la Casellati è stata eletta al vertice di palazzo Madama. Prima donna, dicevamo, a sedere su una poltrona così prestigiosa, seconda carica della Repubblica, la senatrice di Forza Italia, alla sua sesta legislatura in Parlamento, vanta un curriculum di assoluto rispetto: laureata in giurisprudenza e in diritto canonico nella Pontificia Università Lateranense è stata ricercatore universitario per il settore scientifico-disciplinare IUS/11 ‘Diritto canonico ed ecclesiastico’ all’Università di Padova ed è iscritta all’Ordine degli avvocati di Padova; il 15 settembre 2014 viene eletta dal Parlamento in seduta comune membro del Consiglio Superiore della Magistratura con una maggioranza pari a 3/5 dei votanti, incarico che ha dovuto abbandonare dopo che lo scorso 4 marzo è stata nuovamente eletta al Senato nel collegio Veneto 1. Alla neo presidente del Senato, gli auguri di buon lavoro della redazione del Secolo d’Italia.