Di Maio: il premier devo farlo io. Alla Lega i ministeri più importanti?

martedì 27 marzo 18:23 - DI Redazione

In fondo Matteo Salvini osservando che per lui fare il premier non è questione di vita o di morte, ha agevolato Luigi Di Maio, che appare invece irremovibile: “Il premier lo devo fare io”. I due comunque si sentono al telefono molto spesso e – come scrive La Stampa – in queso dialogo è Salvini il più attivo: “Il capo del Carroccio è molto più attivo: propone, parla, disegna scenari. Domenica ad alcuni parlamentari ha detto chiaramente: «Il governo non sarà guidato né da me né da Di Maio. Fidatevi, finirà così». Salvini vuole stanare il grillino, che invece aspetta, silente, ma categorico nella sua richiesta”.

A sua volta Di Maio ipotizza una possibile via d’uscita: il partito di maggioranza relativa nomina il premier, il partner di governo prende i ministeri più importanti. A Salvini, secondo i calcoli del M5S, potrebbero andare Economia o Sviluppo economico, Interno, Difesa, Agricoltura e magari Trasporti, considerando l’importanza di molte infrastrutture traducibili in posti di lavoro e in consenso. Ciò che spera Luigi Di Maio, in definitiva, è che si concretizzi un’alleanza con la Lega ma con l’esclusione di Forza Italia, alla quale non sarebbe intenzionato a cedere posti di governo.

Un’ipotesi non facilmente percorribile, mentre Fratelli d’Italia ragiona sulle mosse da prendere: o inserirsi nel dialogo tra Lega e M5S con un ruolo critico o andare all’opposizione ma senza poter contare su grande visibilità.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • lu.casart@libero.it 28 marzo 2018

    Io ho l’impressione che prima, in campagna elettorale, sia tutta una gara a chi la spara più grossa e chi attira più consensi.
    Dopo, una volta che si ha stabilito chi è il nr 1 chi è il nr 2 e via dicendo .., tutto finisca a tarallucci e vino. In barba agli elettori agli ideali alle promesse.

    A peggiorare le cose è che qui ci sono 2 nr 1. Salvini primo partito del cdx e Di Maio primo partito d’Italia.

    • lu.casart@libero.it 28 marzo 2018

      chiedo scusa .. “Dopo, una volta che si E’ stabilito..”

  • 27 marzo 2018

    Se Salvini dovesse lasciare il passo al….”coso li…stellato”….svendendosi per qualche ministero in più, sarà un tradimento bello e buono nei confronti di tutti gli elettori del centrodestra, che hanno votato per la destra trovandosi un premier di sinistra, tanto valeva votare in massa per “il coso li….come si chiama”……o per il PD, ancora una volta saremo truffati dai nostri stessi leader?