Macerata, l’effetto Pamela premia il centrodestra: sbaragliati M5S e Pd

lunedì 5 marzo 14:19 - DI Redazione

Per qualche giorno, nella fase più cruda della campagna elettorale, Macerata  è state la “capitale” italiana dell’antifascismo: manifestazioni, proclami, centri sociali scatenati. Ma alla fine  tutto s’è rivelato un boomerang per  “compagni” e antifascisti vari. Il responso delle urne è chiaro e inequivoco: Macerata ha scelto il centrodestra. E ha scelto in particolare la Lega che vede crescere in maniera esponenziale i consensi: nel 2013 il Carroccio prese lo 0,6, stavolta vola sopra al 20 per cento. Nello specifico la Lega prende il 20,9 alla Camera e il 21,3 al Senato. Passa da 153 voti nel 2013 a 4575 voti nel comune marchigiano. Un risultato che porta la coalizione di centrodestra a sbaragliare i grillini nell’uninominale. Il Pd va un po’ meglio della media nazionale, sopra al 20 in entrambe le Camere, ma arriva terzo nei collegi uninominali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • c.arcabasso1206@liber.it 5 marzo 2018

    Povera Pamela io da PD non potevo più votare con chi è andato a far visita a spacciatori e assassini! una questine di coscienza e non sopporto più questa Chiesa irresponsabile e faccendiera. I forestieri delle sacre scritture erano i pellegrini che arrivati a Gerusalemme, poi tornavano ai loro villaggi.