L’Intifada dei veicoli colpisce ancora: palestinese travolge 4 civili ad Acri

Non si ferma in Israele il terrorismo palestibnese: dopo l’Intifada dei coltelli, da qualche tempo di assiste a una contemporanea Intifada dei veicoli: sempre più spesso giovani palestinesi investono cittadini israeliani con auto e furgoni. L’attacco condotto oggi nel nord di Israele, ad Acri, dove un’auto ha investito e ferito 4 persone, due militari, una guardia di frontiera ed un civile, è stato un attentato terroristico a sfondo nazionalista. A dichiararlo è stata la polizia israeliana, citata dai media locali. Le forze di sicurezza hanno comunicato che conoscono l’identità dell’assalitore, un arabo israeliano proveniente dalla città di Shfaram. Secondo notizie riportate da Times of Israel l’aggressore sarebbe stato successivamente ferito a colpi di arma da fuoco. Intanto si apprende che sempre in queste ore la polizia israeliana ha arrestato un cittadino tedesco accusato di aver lanciato sassi contro uomini delle forze di sicurezza durante una protesta che si è svolta la settimana scorsa in Cisgiordania, a Bil’in. L’annuncio è stato dato oggi dalla polizia. Il 24enne si è detto colpevole dell’accusa e la polizia sta lavorando alla sua estradizione.

(Foto: Times of Israel)