LeU, parte il processo a Grasso. Fratoianni: alcune figure non hanno funzionato

sabato 10 marzo 19:11 - DI Redazione

Di chi la colpa del flop di Liberi e Uguali? Nicola Fratoianni si è presentato dimissionario alla direzione di Sinistra italiana, uno dei tre soggetti che con Mdp e Possibile aveva dato vita a LeU ma la direzione le ha respinte. “Immaginare che la responsabilità di un risultato elettorale come quello di Liberi e Uguali sia di un singolo è un errore – osserva Fratoianni -Troverei sciocco dire che la colpa è stata di uno o di un altro, ma non c’è dubbio che la campagna elettorale è stata segnata dalla sovraesposizione di figure che hanno un linguaggio e una cultura politica che evidentemente non hanno funzionato, hanno contribuito a rendere meno efficace il progetto”. Ieri, dopo giorni di borbottii e di un velato ma diffuso scontento all’interno della lista, il segretario di Possibile Pippo Civati è uscito allo scoperto, dicendo che la campagna di comunicazione era stata completamente sbagliata e che il messaggio elettorale era stato affidato tutto a Grasso, D’Alema e Bersani, senza valorizzare i quarantenni e i volti nuovi della lista. “Non credo però che la colpa sia tutta di d’Alema o di Bersani ma questo ha influito come hanno influito i limiti oggettivi di tutti noi, me compreso. Io penso che sia necessario dare un segnale di investimento sulla continuità di un progetto che tuttavia ha bisogno di cambiare, di misurarsi con i propri errori. Il più grande errore – conclude Fratoianni – è stato parlare agli elettori in fuga dal Pd con un linguaggio del Pd prima di Renzi o non sufficientemente discontinuo, coraggioso. Oggi questa discontinuità va marcata”. Ora la lina da seguire secondo Fratoianni è ascoltare in Parlamento le proposte del Movimeneto 5 Stelle, “senza chiedere nulla, ma per far sì che un Governo parta”.

 

Commenti

Rispondi a Pino1° Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giovanni.laface@hotmail.com 12 marzo 2018

    Grasso non e’ un politico – magistrato e’ e tale rimane – e poi cosa pretendeva? Di arrivare primo
    solo perche’ si e` alleato con due politici oramai decatuti? Quanto basta per non votarlo mai e mi
    dispiace che sia passato – altri soldi in mare.

  • gdetoffoli@yahoo.it 12 marzo 2018

    Grasso ? U’altro magistrato ad inceppare la democrazia costituzionale ? Il paese è stato distrutto dalla magistratura che sta interferendo da decenni nel meccanismo costituzionale che prevedeva l’apparato politico ‘protetto dall’immunità parlamentare’ dalla magistratura stessa; i costituenti conoscevano perfettamente cosa potesse combinare una magistratura politicamente deviata, l’avevano provato sulla loro pelle. Sono riusciti ad imporre ad una classe politica di vili la cancellazione del meccanismo dell’immunità dopo una feroce mani pulite in cui è stata distrutta solo una parte politica ! A guardare bene tutti stì figuri che sono idrovore di denaro pubblico spendendo per intercettazioni schedature senza smantellare nulla della criminalità organizzata! Ma questa gente crede ancora che tutti gli italiani abbiano perso la capacità di annusare il fetore da lontano?
    I sinistri gestori della politica cosa pubblica, hanno colto l’occasione di farli congiungere sapendo benissimo che dopo averli usati andavano sputati fuori dal meccanismo per depurarsi dalla loro amata presenza !

  • cromcrom@alice.it 11 marzo 2018

    boldry è totalmente inadatta,non ha spessore nè carisma,proviene da un istituto,unhcr,che non produce leader ma fancazzisti(borghezio), grasso se voleva essere utile all’Italia doveva rimanere in magistratura.Per vivere di politica devi essere un politico dentro.Altri signori sono vecchi dinosauri della politica che non sanno fare cose diverse dalla politica,ma il loro tempo è passato.

  • brandani43@gmail.com 11 marzo 2018

    Grasso chi??? Grasso che cola!!!

  • pietro.eschini@alice.it 11 marzo 2018

    Non è colpa di Grasso , ma il guaio è la Boldrina persona vista inconcludente e incapace .

  • marcelloparsi@alice.it 11 marzo 2018

    Grasso non è una figura carismatica (= 0); non ha fatto una decente e credibile proposta politica, a parte l’obsoleto e stantio antifascismo (= 0); non è riuscito a dissociarsi in modo persuasivo dalla bieca violenza dei centri sociali (= 0). Per cui: 0 + 0 + 0 = 0

  • 10 marzo 2018

    Grasso e di Cinecittà, un capitolo della divina commedia….”no se nada senor” voy a visitar la hermosa Boldrini, lo se que me puede ayudar, asi espero…