L’eredità del centrosinistra: record storico di povertà al 23 per cento

lunedì 12 marzo 19:50 - DI Elsa Corsini

Nel 2016 la quota di italiani residenti (quindi nati sia in Italia che all’estero) a rischio di povertà è salita al 23%: si tratta del massimo storico da quando la Banca d’Italia ha iniziato questo tipo di rilevazioni. Per livello di povertà si intende quella classe di persone che dispongono di un reddito equivalente inferiore al 60% di quello mediano.

Povertà, record storico nel 2016

L’analisi drammatica fornita dall’istituto di via Nazionale mostra come rispetto al 2006 la quota di rischio – valutata in base alle caratteristiche del capofamiglia – sia cresciuta (spesso in maniera notevole) per quasi tutte le fasce di età, geografiche e condizione professionale. Unica eccezione i pensionati, la cui percentuale di individui a rischio è scesa dal 19% del 2006 al 16,6% del 2016. In netta salita invece le difficoltà per i nuclei con capofamiglia di età inferiore a 35 anni (quota salita dal 22,6 al 29,7%), per chi vive al Nord (dall’8,3 al 15%) e soprattutto per gli immigrati, dove il rischio povertà è balzato dal 33,9 al 55%. Stabile, invece, pur se a livelli molto elevati, la percentuale di rischio povertà al Sud, che rimane al 39,4% (valore pressoche’ identico a dieci anni prima).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • badelio@teletu.it 13 marzo 2018

    C’è qualcuno che riesce a spiegarmi quali sono stati i vantaggi, per l’Italia l’entrata nella UE…..nessuno, solo svantaggi. Allora che casso ci stiamo a fare, nell’UE, FFUUOORI. WIWA L’ITALIA.

  • fghajdk@csj.com 13 marzo 2018

    E dov’è la novita ? In ogni paese dove hanno governato, anzi, in ogni regime comunista il risultato è sempre stato lo stesso : dittatura, miseria, morte. E anche stavolta i nipotini di mao tse tung hanno fatto danni.

  • 12 marzo 2018

    Viva Sovranità Italiana

  • 12 marzo 2018

    Le statistiche di oltremare dichiarano da 25% a alto 31% di povertà in Italia…

  • avv.ballicu@katamail.com 12 marzo 2018

    questo è il risultato. delle politiche di austerità imposte dalla ue , dalla germania che è nostra concorrente economica e ci vuole danneggiare, dall’euro che ci sta impoverendo e ci impedisce di svalutare la moneta,del liberismo selvaggio globalizzato imposto dalla plutocrazia,unica speranza è uscire almeno dall’euro, meglio ancora se dalla ue, viva l’italia indipendente e sovrana