La Meloni chiude le porte all’inciucio: «Noi al governo solo con il centrodestra»

sabato 10 marzo 14:40 - DI Redazione

In giornate di pettegolezzi, inciuci e cacce alle streghe su fantasmagoriche alleanze, Giorgia Meloni esce dal porto delle nebbie della politica nazionale con una dichiarazione che fa chiarezza in maniera categorica: «Una cosa è certa: Fratelli d’Italia, con i suoi 50 parlamentari eletti, ribadisce l’impegno preso con gli elettori. Non siamo disponibili a governi diversi da quello di centrodestra. Ben venga il sostegno esterno di chi voglia condividere le priorità del centrodestra: riduzione delle tasse, contrasto all’immigrazione clandestina, maggiore sicurezza, aiuto agli italiani in difficoltà», scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia. Secondo la Meloni, quanto accade in questi giorni nel retrobottega della politica nazionale era abbondantemente prevedibile: «Una pessima legge elettorale – constata inoltre la leder di Fdi – ha prodotto un Parlamento nel quale non c’è una chiara maggioranza di governo. Era tutto facilmente prevedibile. Per questo Fratelli d’Italia aveva chiesto che fosse previsto un premio di maggioranza per la coalizione che fosse arrivata prima. Non ci hanno ascoltato e il risultato è questa situazione confusa».

Sulla stessa linea anche Forza Italia, che però apre al dialogo sulla nomina dei presidenti di garanzia: «Il centrodestra ha vinto le elezioni ed è l’unica forza politica con un programma, approvato col 37% dei consensi, che mettiamo al centro del dibattito», sottolinea il capogruppo uscente di Fi alla Camera, Renato Brunetta in un’intervista a ”Avvenire” con la quale apre il dialogo a tutto campo, ”non solo Pd, anche M5S. E se si parte dai programmi, più che dalle formule, si scopre che ci sono molte più cose che uniscono”. Il Def, auspica, ”da problema può diventare opportunità”. Ma un nuovo governo è ancora lontano. «Certamente, ma all’insediamento delle Camere queste già svolgono una funzione di indirizzo e il Def può diventare incubatore della maggioranza. Il centrodestra non avendo i numeri per fare da solo si pone a centrocampo, e dice: “questo è il nostro programma. Discutiamo”». A partire da quali punti? «Innanzitutto la crescita. Ma per far ripartire il Paese occorre ridurre le tasse. Quindi, la flat tax. Poi la sicurezza: basta sbarchi e clandestini. Dopodiché, Confindustria e sindacati hanno raggiunto un accordo per nuove relazioni industriali. Che ora va accompagnato con misure adeguate. Siamo per il dialogo
sociale, a differenza di Renzi, e vediamo grandi spazi per intervenire», conclude Brunetta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • agostino.ginevra@gmail.com 11 marzo 2018

    Sono d’accordo con la Presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, quando dice che quanto è successo era prevedibile in quanto “una pessima legge elettorale ha prodotto un Parlamento senza una chiara maggioranza di Governo”. Sono d’accordo anche sul Patto “NO inciuci”, ma questo prima che si votasse ma,ora, alla luce dei risultati, si risveglia il “diplomatico” che ho fatto per diversi anni ” per cui, ritengo,che essere,anche in compartecipazione, nella stanza dei bottoni è meglio di stare ad “aspettare” quello che fanno gli altri. Non è un inciucio ma una fattiva collaborazione tra un M5S ed una coalizione e questo nell’interesse del Paese e del popolo italiano. Non si può andare a votare tra un anno, sarebbe il disastro economico, e non si può avere un “governicchio” M5S e PD sarebbe la rovina dell’Italia. A volte la scelta giusta è modificare la direzione che si era impostata, meglio piangerecon un occhio che con tutti e due. Nonostante tutto coraggio baciamo sulle labbra il serpente. Viva l’Italia!

  • agostinomontagna@alice.it 11 marzo 2018

    forza meloni vai avanti con decisione non mollare altrimenti meglio andare a votare di nuovo.

  • fdesalvo@aconet.it 11 marzo 2018

    Perché la flat tax per tutti dovrebbe far aumentare l’IVA? Basta non aumentarla infischiandosene delle regole dei burocrati europei (tedeschi). Quando Berlusconi si era opposto al fiscal compact lo hanno fatto fuori con un complotto ed hanno venduto al volo 8 miliardi di nostri buoni per far lievitare lo spread ma ora, se si mantenesse l’IVa invariata, i cetrioli curvi ed i forni a legna per le pizze, non hanno più la forza di fare un secondo complotto, né di vendere in blocco altri buoni. Con l’aria di euroscetticismo che spira in Europa resteranno ben zitti e buoni n attesa che si cambino le regole.
    E poi, se noi portiamo le tasse al livello di Irlanda e Slovacchia per non farci scappare le ditte, come possono contrastarci? Col fatto che i Tedeschi prima dell’Euro pativano la nostra concorrenza ed ora hanno paura che ci liberiamo delle regole più costrittive?
    Cacciarci dall’Europa per demolirla del tutto?

  • gallo.sabino@libero.it 11 marzo 2018

    La coalizione di Centrodestra ha vinto con meno voti di quanto sperato, ma ha vinto. Quindi, ha il diritto di formare il Governo, come la maggioranza degli italiani hanno deciso. D’altra parte , il PD ha riconosciuto con onesta coerenza questo risultato e non esprime altre pretese che di esercitare i suoi diritti nel prossimo Parlamento, come è suo dovere. La posizione più strana è quella del “movimento 5 stelle” ( un poco eccessivo!) che pretende che “gli altri ” si presentino (con umiltà) ai suoi rappresentanti ,per chiedere di appoggiare un Governo “stellare”, con un programma che la maggioranza degli italiani ha mostrato di non volere accettare !! Ma chi può accettare l’invito a cena, a casa sua, da qualcuno di sgradevole compagnia , che impone anche un menù considerato inaccettabile? Per fortuna, la cena politica si sceglie in Parlamento , dove tutti hanno la libertà di proporre il proprio menù, come gli altri il diritto di rifiutarlo.Il Parlamento serve a questo ! Gli accordi “fuori” ed in sedi diverse non sono accettabili , dove il popolo non ha la possibilità di ascoltare . E’ venuto il momento di far chiarezza in Italia. Tutte le proposte di un Governo sono discutibili e migliorabili “con un confronto razionale e libero”, al quale tutti hanno il diritto di partecipare.Ma senza accordi precedenti, fatti “in segreto”! Questo è contrario alla Democrazia!!
    Il Centrodestra ha, come altre formazioni politiche, il problema di accettare i politici che, per varie ragioni , se ne sono allontanati per qualche tempo, ma senza offenderne i valori. Questo è lecito sia in politica che nella vita di tutti i giorni. Purché , in condizioni difficili come quella attuale, si accettino le necessarie e nuove regole di collaborazione. Tutto alla luce del sole! In Parlamento è facile capire se un nuovo Governo è accettabile o non ( senza interventi “segreti” , inaccettabili!) . E chi , agli esami, viene bocciato, non perde il diritto di “ripetere”, con maggiore volontà di imparare di più e meglio!

  • depalma.aurora@libero.it 11 marzo 2018

    un governo di scopo per rifare la legge elettorale. andare nuovamente ad elezioni… penso nn si voglia fare perché molti andrebbero a casa. ma se fate così molte cose si risolverebbero subito,aspettare nn vale la pena. si dovrebbe fare comunque un patto scellerato come sempre. allora si che vedreste gli italiani arrabbiarsi veramente, e nn andrebbero più a votare

  • benpiero@alice.it 11 marzo 2018

    Per me la flat tax per tutti é irrealizzabile, a meno che non si voglia portare l’iva a valori inauditi. Certamente però va ridotta la tassazione sulla produzione delle imprese e delle spa in particolare. La tassazione del reddito delle spa dovrebbe essere uguale in tutta l’unione europea per evitare le delocalizzazioni all’interno della UE. Tassare una spa italiana, che non é altro che capitale produttivo, é come tassare il trattore che il contadino usa per coltivare il campo o la scala per raccogliere le olive. Vanno tassati i dividendi ai percettori e questo basta. E comunque la tassazione al 26% dei dividendi é follia. Nessun italiano investe più e se nessuno investe non c’é lavoro per tutti.

  • 10 marzo 2018

    Io credo in lei Ms. Meloni!!! E il tempo di applicare di applicare la tua agenda politica…il ferro va battuto quando e caldo!!! La idea della sovranità dal Euro Zone e sempre nel mio cuore…io penso che Italia sovrana e sempre meglio che prendere ordini da Brussels, ONG, and Amnesty International… I have never made this statement before??????

  • 10 marzo 2018

    Io credo in lei Ms. Meloni!!! E il tempo di applicare di applicare la tua agenda politica…il ferro va battuto quando e caldo!!! La idea della sovranità dal Euro Zone e sempre nel mio cuore…io penso che Italia sovrana e sempre meglio che prendere ordini da Brussels, ONG, and Amnesty International…