La carica dei “subentrati” del Senato: i ventitre nomi che devono ringraziare i “big”

In avvio di seduta, a Palazzo Madama, sono stati proclamati i senatori subentranti, ossia quelli che eletti sia nel maggioritario che nel plurinominale, hanno comunicato agli uffici la loro opzione, che ha determinato il subentro di un altro senatore. La Giunta provvisoria per la verifica dei poteri ha proclamato il subentro di 23 senatori.

Campania per la lista Pd, Valeria Valente subentra a Matteo Renzi. Emilia Romagna, nella lista Fi, Enrico Aimi subentra a Paolo Romani; per la lista Pd, Paola Boldrini sostituisce Valeria Fedeli. In Friuli Venezia Giulia, nella lista Pd, Tatiana Rojk sostituisce Tommaso Cerno. Nel Lazio, lista Lega, Anna Bonfrisco entra al posto di Matteo Salvini, William De Vecchis sostituisce Alberto Bagnai, Gianfranco Rufa sostituisce Giulia Bongiorno; lista Leu, Loredana De Petris subentra a Pietro Grasso; lista Fi, Francesco Maria Giro subentra a Anna Maria Bernini.

In Liguria per la lista della Lega, Francesco Bruzzone sostituisce Matteo Salvini. In Lombardia, lista Lega, subentra Luigi Angussori al posto di Cristian Solinas, Simone Pillon sostituisce Matteo Salvini, Massimiliano Romeo entra al posto di Giulia Bongiorno; per la lista Pd, Alan Ferrari in sostituzione di Valeria Fedeli. In Piemonte (lista Fdi) Giovan Battista Fazzolari subentra al seggio di Daniela Santanché; per la Lega, Giorgio Maria Bergesio sostituisce Simona Bergreffi, Cesare Pianasso sostituisce Giulia Bongiorno.

In Puglia (lista Fi), Anna Carmela Minuto sostituisce Licia Ronzulli. In Toscana (lista Lega) Tiziana Nisini subentra alla senatrice Erika Stefani, Manuel Vescovi al posto di Alberto Bagnai; Lista Pd, Caterina Biti subentra a Roberta Pinotti. In Umbria (lista Pd), Leonardo Grimani subentra Renzi. In Veneto (lista Fdi), Adolfo Urso (nella foto) sostituisce Daniela Santanchè.