J-Ax straziato dalla morte di Michele, vittima dei bulli: «A quell’età la vita…»

mercoledì 14 marzo 9:40 - di Paolo Sturaro

«Mi ha molto colpito la storia di Michele. Mi ha rattristato perché trovo assurdo, ancora oggi, nel 2018, morire di bullismo». J-Ax parla del 17enne che il 23 febbraio scorso si è tolto la vita, lanciandosi da un ponte ad Alpignano nel torinese. La madre ha denunciato come il ragazzo fosse stato spinto al tragico gesto dalle prese in giro dei coetanei.  «Una morte che è sempre assurda, ma che a 17 anni lo è ancora di più – scrive J-Ax su Facebook -. A quell’età la vita non è nemmeno iniziata e non potremo mai sapere cosa abbiamo tutti perso da quella che Michele avrebbe vissuto. Ma non sono solo triste, sono anche incazzato perché noi adulti dovremmo sempre ascoltare, empatizzare e aiutare i ragazzi in difficoltà. E se dei ragazzi arrivano a questo punto è il mondo degli adulti ad aver fallito». Il cantante si rivolge, poi, con un post «a chi si trova in una situazione come quella di Michele: non mollate, anche quando vedete solo nero, ci sono passato anche io e se l’avessi data vinta mi sarei perso tutto il resto della vita». Solo pochi possono dire, conclude, di «aver avuto una infanzia perfetta, quindi, per quanto vi possa sembrare strano, non siete soli e il vostro dolore non sarà permanente. Anzi la rabbia che provate sarà l’energia che vi darà una marcia in più per il resto della vostra vita. Non mollate».

Il successo di J-Ax e le collaborazioni

J-Ax è esploso soprattutto con i brani incisi assieme a Fedez, a partire dal quel Vorrei ma non posto, che ha avuto record di vendite diventando un vero e proprio tormentone. Di grande successo anche il secondo singolo Assenzio che ha visto la partecipazione di Stash dei The Kolors, la band amatissima dai giovani, che all’ultimo Festival di Sanremo ha portato Frida (mai, mai, mai), ai primi posti in classifica. Da segnalare Piccole cose, inciso insieme ad Alessandra Amoroso, un’altra interprete quotatissima, proveniente da Amici di Maria De Filippi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *