Immigrati violenti: Londra costruisce un carcere in Nigeria e li rispedisce là

lunedì 12 marzo 10:42 - DI Roberto Mariotti

Gli immigrati violenti delinquono. La polizia li arresta, vengono processati e condannati. Subito dopo vengono mandati in carcere. Ma non a Londra. «A casa loro». È l’accelerazione impressa dal governo inglese, che ha deciso di costruire un’ala di una prigione a Lagos per spedire là i 270 criminali nigeriani che ora sono nelle prigioni britanniche. Una vera svolta. L’investimento per la costruzione è di 788mila euro, ma ogni straniero detenuto – oggi – costa circa 40mila euro all’anno. Per raggiungere l’obiettivo saranno utilizzati i fondi per il ritorno a casa dei migranti illegali.

Carcere e immigrati violenti, gli accordi di Londra

Johnson ha sottolineato che «aiutare la Nigeria a migliorare le condizioni penitenziarie permetterà di trasferire un maggiore numero di detenuti nigeriani liberando posti nelle carceri del Regno Unito». Ma non solo. Gli inglesi hanno chiuso accordi per il trasferimento di detenuti anche con Albania, Ruanda, Giamaica e Libia. In sostanza, in Gran Bretagna si ha il coraggio di procedere proprio nella direzione che la sinistra nostrana ha sempre dichiarato «improponibile» e «inaccettabile». Anche di fronte all’evidenza dei numeri (nel nostro Paese un detenuto su tre è straniero e a dicembre 2017, gli immigrati in cella erano 19.745, il 34,3% della popolazione carceraria) i buonisti hanno alzato i muri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • mouse141278@gmail.com 13 marzo 2018

    peccato che la stragrande maggioranza degli stranieri sono detenuti senza aver commesso reato ma solo perchè senza permesso (magari hanno perso il lavoro o lo status di riconoscimento di rifugiato), altri invece sono detenuti in attesa di giudizio ed altri per reati piccoli e per entrambi i casi un italiano con pari cv criminale gode dei domiciliari che allo straniero sono negati. sono tutti numeri per creare uno spauracchio in cui identificare i problemi della società e del modus operandi di un capitalismo e liberismo responsabili del genocidio della libertà, intelligenza, civiltà e dignità dell’essere umano. se si vuole fare giornalismo lo si faccia in modo costruttivo, limpido ed onesto altrimenti si rischia di essere corresponsabili e parte del problema.

    • well55@gmail.com 14 marzo 2018

      Nessuno straniero è in carcere perchè senza permesso, non diciamo cavolate!

    • aldo.marola@gmail.com 14 marzo 2018

      curarti?

  • domenico@box.it 13 marzo 2018

    Non sarà l’ottimale, forse, ma magari funziona, risparmieremo tanti soldi e libereremo del 30x cento le carceri nostrane che sono affollatissime, appunto da immigrati disgraziatissimi che x vivere, non trovando un lavoro regolare, sono costretti a delinquere. Che ne dite??

  • Giuseppe Tolu 12 marzo 2018

    Ecco! Così si fa. Occio Italia, occio