Il massacro di Latina: la zia disperata e quei microfoni invadenti (video)

Il video è da vedere. E’ uno dei tanti in cui ci si imbatte dopo un feroce delitto di nera. Dopo questa strage in famiglia di un uomo violento. Strage annunciata e denunciata inutilmente dalla ex moglie. L’appuntato Luigi Capasso ha ucciso le figlie, Martina e Alessia, una di 13 anni e l’altra di 7. Due angeli. Lo abbiamo pensato tutti. Lo dice la zia disperata, in lacrime, mentre la sostengono e cercano di ripararla dall’invadenza dei cronisti. Eppure è proprio quello strazio la “notizia” da ricercare, da esibire, senza alcun rispetto. Si è parlato e detto molto e giustamente di giornalisti aggrediti mentre fanno il loro lavoro. Poco si parla invece dei giornalisti che inseguono il voyeurismo più sciatto per sollecitare emotività a buon mercato. Anche quando sono stati uccisi due angeli.