Gwendy, la scatola e l’uomo nero: in libreria arriva l’ultimo di Stephen King

lunedì 19 marzo 17:17 - DI Redazione

Un nuovo libro di Stephen King esce in italiano e riporta i lettori a Castle Rock, nel Maine, dove questa volta i protagonisti sono una ragazzina bullizzata e un misterioso uomo in nero. L’editore Sperling & Kupfer pubblica domani, martedì 20 marzo, La scatola dei bottoni di Gwendy (pagine 256, euro 17,90), che il re dell’horror all’americana ha scritto a quattro mani con Richard Chizmar, editore della casa editrice Cemetery Dance che collabora da tempo con King ad alcune edizioni speciali dei suoi libri.

La storia di Gwendy, vittima del bullo

Gwendy Peterson ha 12 anni e vive a Castle Rock, la cittadina piccola e timorata di Dio che tante volte è stata teatro delle storie di Stephen King. È cicciottella e per questo vittima del bullo della scuola, che è riuscito a farla prendere in giro da metà dei compagni. Per sfuggire alla persecuzione, Gwendy corre tutte le mattine sulle Suicide Stairs (un promontorio sopraelevato che prende il nome da un famoso suicidio avvenuto anni prima). Ha un piano per l’estate: correre tanto da diventare così magra che l’odioso bulletto non le darà più fastidio.

«Ciao, sono Mr. Farris, ti osservo da un pezzo…»

Un giorno, mentre boccheggia per riprendere respiro, Gwendy è sorpresa da una presenza inaspettata: un singolare uomo in nero. Alto, gli occhi azzurri, un lungo pastrano che fa a pugni con la temperatura canicolare, l’uomo si presenta educatamente: «Ciao, sono Mr. Farris, ti osservo da un pezzo. Mi dici il tuo nome?». Come tutti i bambini, Gwendy si è sentita mille volte dire di non dare confidenza agli sconosciuti, ma questo sembra davvero speciale, dolce e convincente. E ha un regalo per lei, che è una ragazza tanto coscienziosa e responsabile. Una scatola, la sua scatola. Un bell’oggetto di mogano antico e solido, coperto da una serie di bottoni colorati e due leve. Che cosa ottenere premendoli dipende solo da Gwendy. Nel bene e nel male.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *